Fiumedinisi, accesa la rete metanifera. Presente anche il presidente Musumeci

FIUMEDINISI – Un grande passo avanti per tutto l’hinterland jonico. Si potrebbe sintetizzare così l’accensione della rete metanifera, avvenuta ieri sera in piazza Matrice a Fiumedinisi, comune capofila del progetto. Un evento al quale ha preso parte anche il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. La serata ha preso il via alle ore 18, con il raduno in piazza Matrice. Alle 18.30, nella chiesa madre, la celebrazione di una Santa Messa, officiata da padre Dario Giardina. Poi, sfidando una serata piuttosto fredda, tutti nella piazza antistante il santuario per il momento clou dell’intera manifestazione. Prima dell’accensione dell’impianto, hanno preso la parola tutte le autorità presenti. Ha iniziato il primo cittadino di Fiumedinisi, Giovanni De Luca, che ha fatto gli onori di casa ed ha ringraziato quanti, a vario titolo nel corso degli anni, si sono prodigati per la realizzazione di questo ambizioso progetto. In modo particolare a Cateno De Luca, attuale sindaco di Messina e della Città Metropolitana, che nell’estate del 2009, quando era sindaco del centro nisano, ha avviato il lungo iter. “Dopo 10 anni – ha esordito il presidente dell’ex Provincia Regionale – finalmente siamo qui ad accendere questo impianto. Quasi non ci credo. La realizzazione della rete metanifera – ha concluso Cateno De Luca – rappresenta un punto di svolta per il nostro comprensorio”. La parola, poi, è passata al presidente Musumeci: “Sono davvero felice di essere qui questa sera – ha detto – per inaugurare questa importante opera, vitale non solo per il vostro territorio, ma per l’intera Sicilia. Viviamo – ha concluso il presidente – nella regione più cablata d’Italia, solo che i progetti stentano a decollare. Il “poi vediamo, poi ne parliamo” non deve più esistere. Il rilancio della nostra terra passa anche, e soprattutto, attraverso queste importanti infrastrutture”. Successivamente il momento più atteso, con Giovanni De Luca, Cateno De Luca e Nello Musumeci che hanno acceso il grande braciere posizionato al centro di piazza Matrice e che ha simbolicamente voluto annunciare che, a partire da questo momento, la riviera jonica è servita, a tutti gli effetti, dall’impianto di metanizzazione. I comuni ad essere serviti dal servizio sono: Scaletta Zanclea, Itala, All Terme, Nizza di Sicilia, Fiumedinisi, Roccalumera, Pagliara, Furci Siculo, Santa Teresa di Riva, Casalvecchio Siculo e Sant’Alessio Siculo. Poi, la consegna delle targhe a tutti gli intervenuti. All’evento organizzato nel piccolo centro collinare vi erano anche: Danilo Lo Giudice, sindaco di Santa Teresa di Riva e deputato all’Ars, Orlando Russo, primo cittadino di Castelmola, Davide Paratore, sindaco di Antillo, Nino Melato, vicesindaco di All Terme, Marcella Russo, assessore al comune di Casalecchio Siculo, Gianfranco Moschella, primo cittadino di Scaletta Zanclea, Giovanni Foti ed Alessandra Marisca, rispettivamente sindaco ed assessore del comune di Sant’Alessio Siculo, Piero Briguglio, primo cittadino di Nizza di Sicilia, insieme all’ex sindaco Giuseppe Di Tommaso che nel 2009, insieme a Cateno De Luca, avviò l’importante iter, Antonino Crisafulli, primo cittadino di Itala e Sebastiano Gugliotta, sindaco di Pagliara. La serata si è conclusa con la degustazione di prodotti tipici locali.

NEL TG90 DI LUNEDì 28 GENNAIO, AMPIO SERVIZIO CON LE IMMAGINI DELLA CERIMONIA DI INAUGURAZIONE E LE INTERVISTE CON: NELLO MUSUMECI, CATENO DE LUCA, DANILO LO GIUDICE, GIOVANNI DE LUCA E GIUSEPPE DI TOMMASO

(Il momento dell’accensione – Foto di Emilia Mazzullo)

Leave a Response