Scie fognarie in mare, il prefetto Librizzi convocherà un tavolo tecnico

FURCI – È stato raccolto dal prefetto, Maria Carmela Librizzi, il grido d’allarme lanciato dal sindaco di Furci, Matteo Francilia. Il primo cittadino furcese, alla fine di settembre, aveva chiesto al rappresentante del governo un suo intervento per cercare di risolvere l’annosa problematica delle scie fognarie che periodicamente attraversano il mare della costa jonica. Una situazione che, oltre a penalizzare le ambizioni turistiche del comprensorio, comporta seri rischi dal punto di vista igienico-sanitario. Ricevuta la nota del sindaco Francilia, la prefettura, attraverso il dirigente dell’Area V, viceprefetto Natalia Ruggeri, ha inoltrato la segnalazione all’Azienda Sanitaria Provinciale e all’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente, struttura territoriale di Messina, chiedendo notizie per i rispettivi profili di competenza. Di pari passo si procederà alla convocazione di un incontro. “Ringrazio di cuore sua eccellenza il prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi – ha evidenziato il sindaco Matteo Francilia – per avermi telefonato, dicendomi che a breve convocherà un tavolo tecnico con tutti i sindaci e gli altri enti preposti al fine di affrontare e cercare di risolvere una volta per tutte il problema del presunto inquinamento marino. La sinergia tra le istituzioni – ha aggiunto il primo cittadino – è di fondamentale importanza per la risoluzione dei problemi”. Francilia, dopo aver constatato il problema, aveva effettuato un blitz a sorpresa nel depuratore comunale di Roccalumera (che serve anche i comuni di Furci e Pagliara), verificandone il corretto funzionamento. Rassicurazioni sono arrivate anche dal collega di S. Teresa, Danilo Lo Giudice. Ma allora da dove provengono i liquami che spesso attraversano il mare della riviera jonica? Un interrogativo al quale proveranno a rispondere gli enti preposti. La data della riunione non è stata ancora fissata ma l’impegno assunto dal prefetto è già un segnale importante di attenzione verso la problematica.

Leave a Response