Nastro d’argento a Massimo Ghini per i 40 di carriera

Nastro d’argento speciale a Massimo Ghini: lo riceverà per festeggiare i suoi primi 40 anni di cinema, sabato  prossimo ‪30 giugno‬ al Teatro Antico di Taormina nella serata conclusiva del Premio dei giornalisti cinematografici che  così sottolineano la qualità  e l’eterogeneità di un particolare percorso artistico, decisamente eclettico tra cinema, teatro, regia e anche doppiaggio e il successo di una carriera proprio quest’anno siglata, tra l’altro, da un’interpretazione particolarmente intensa nel film di Gabriele Muccino “A casa tutti bene”. “Ricevere un Nastro d’Argento alla carriera è per me me è un grandissimo onore ma soprattutto è una grande emozione il fatto che i giornalisti abbiano riconosciuto il mio “particolare” percorso artistico. La mia è stata una strada piena di svolte, di ritorni, di scelte anche contrastanti, ma legate dall’esigenza di esprimermi e di ‘provarmi’ in tutte le direzioni. Il mio racconto non è ancora finito, ma questo Premio mi autorizza a continuare la mia vita artistica da curioso nomade, sempre in cerca di una nuova emozione e di una nuova sfida”. Massimo Ghini ha lavorato con Franco Zeffirelli, Giorgio Strehler, Giuseppe Patroni Griffi, Gabriele Lavia, Francesco Rosi e Paolo Virzì che lo ha diretto nel suo film d’esordio “La bella vita”. Il grande successo è arrivato con “Compagni di scuola” di Carlo Verdone, a trent’anni dal debutto un autentico cult movie della commedia italiana e poi con “La Tregua” di Rosi, con numerosi riconoscimenti anche a livello internazionale. Una crescita continua e un successo davvero inarrestabile che lo ha reso uno degli attori più amati dal pubblico italiano.  Con “A casa tutti bene” di Gabriele Muccino – in cui interpreta con grande delicatezza, realismo e particolare intensità il ruolo di Sandro, nel suo allontanarsi da sé per l’Alzheimer, Massimo Ghini ha già condiviso poche settimane fa a Roma anche il Nastro simbolicamente collettivo andato all’intero cast del film.

Leave a Response