Alì Terme. Amministrative, si va verso la terza lista. Sfida tra Giaquinta, Marino e Gregorio?

ALI’ TERME. Carlo Giaquinta si prepari: sono in arrivo altri due candidati sindaco in vista delle amministrative del prossimo 10 giungo. A quanto pare le liste che si sfideranno per la conquista di palazzo municipale saranno 3. La candidatura del manager romano, che sarà supportato dal gruppo di minoranza uscente, è l’unico dato certo, ma a quanto pare dovrà vedersela con altri due contendenti. Il sempre pronto Giuseppe Marino, uscente sindaco di Alì Terme che sembra deciso a rimettersi in gioco dopo aver ingoiato qualche boccone amaro negli ultimi mesi. Il primo cittadino sta lavorando alla formazione di una lista fatta di giovani e di tante novità. Ma, a quanto pare, anche di qualche conferma che lascia pensare. Nella squadra a sostegno di Marino figurerebbe anche il nome di Riccardo Falcone, giovane consigliere comunale uscente e da sempre vicino alla famiglia dell’uscente sindaco. Fin qui sembrerebbe filare liscio se non fosse per la forte e decennale amicizia che lega Falcone all’attuale presidente del Consiglio Lorenzo Grasso. Il consigliere di maggioranza sarà “l’uomo di Grasso” alle prossime amministrative, considerato che il numero uno del civico consesso ha deciso di tirarsi fuori dalla contesa elettorale. Ma è chiaro che un big della politica come lui non puo’ rinunciare ad avere un “rappresentante” sullo scenario politico. Insomma, se così fosse, le strade di Marino e Grasso si ricongiungerebbero clamorosamente dopo lo strappo che si è consumato tra i due quando il prersidente del consiglio preferì lanciare il nome di Pietro caminiti come candidatio sindaco preferendolo a Marino. A volte ritornano. Sulla sponda degli ex di maggioranza Rita Cicala e Giovanna Manganaro si naviga a vista e si cerca di trovare una sintesi sul nome di Francesco Gregorio come candidato sindaco. L’ex consigliere di minoranza è tesserato al movimento politico di “Sicilia Vera” ma non ha mai fatto mistero di essere legato politicamente anche alle due consigliere dissidenti. Al momento si lavora anche per capire le intenzioni del comitato cittadino che sarebbe diviso in due; una parte auspica un percorso unitario con Giaquinta sindaco, l’altra anima invece spera in un percorso autonomo. Intanto a quanto pare il manager romano si sarebbe incontrato con i vertici del partito deluchiano per trovare un accordo, ma al momento non sembra esserci nulla di certo. L’ultima parola spetta al comitato che deciderà il da farsi

Leave a Response