Furci. Una sezione della biblioteca dell’Istituto superiore dedicata alle donne

FURCI SICULO. L’Istituto di istruzione superiore “S. Pugliatti” ha inaugurato presso la sede associata di Furci Siculo, la sezione “Biblioteca delle donne”, con la svelatura di un murales realizzato dagli alunni della V Cat. L’Istituto ha così aderito all’iniziativa promossa dal Liceo Caminiti per la  creazione di un più vasto progetto di rete delle biblioteche delle donne, creando un piccolo spazio, ritagliato nei locali dell’attuale biblioteca scolastica, che mira a diventare, in sinergia con il territorio, luogo di discussione e riflessione, dove promuovere un sano e sereno confronto su temi inerenti il mondo femminile. La manifestazione si è svolta nei locali della Biblioteca scolastica dell’Istituto già intitolata alla professoressa Giovanna Calmo, alla presenza degli alunni delle classi V Cat, VA Tur e Iva Afm. L’evento, curato dalla professoressa Rosaria Ucchino, ha visto la partecipazione del vicepreside professore Michele Fiasco, che ha salutato i presenti ringraziandoli per la loro partecipazione, della dirigente dell’Istituto d’istruzione superiore “Caminiti-Trimarchi” di S. Teresa di Riva, Carmela Maria Lipari, la quale ha presentato il concorso di scrittura epistolare “Da questo luogo, da questo tempo” bandito proprio dalla biblioteca delle donne del liceo Caminiti di Giardini Naxos. Sono intervenute inoltre le professoresse Caterina Cannavò e Agata D’Angelo responsabili della biblioteca della sede di Furci Siculo, le quali hanno proposto all’attenzione dei presenti rispettivamente, una riflessione sull’importanza della lettura e sulla presenza delle donne nella letteratura e nel mondo del lavoro. La professoressa Fulvia Toscano, direttore artistico di Naxoslegge ha quindi presentato il volume “Lettere a Maria Occhipinti”, realizzato nell’ambito del concorso sopracitato , illustrando la storia di Maria Occhipinti e di altre importanti figure femminili del nostro territorio e delle iniziative di cui si è fatta promotrice per trarle fuori dall’oblio in cui erano cadute. Fondamentale l’apporto degli studenti, dei docenti e del personale tutto dell’Istituto, impegnato sia nella organizzazione della Biblioteca che della manifestazione.

Leave a Response