Dissesto idrogeologico, milioni di euro in 22 Comuni del messinese

Undici milioni di euro per la progettazione esecutiva di importanti opere contro il dissesto idrogeologico in Sicilia. Gli interventi per la salvaguardia e la tutela del territorio in ventisette Comuni di sette province dell’Isola sono inseriti in un primo stralcio di finanziamenti del ministero dell’Ambiente. Si tratta di un Fondo di rotazione, per interventi di sicurezza del suolo e delle acque, di cento milioni di euro, dei quali quasi sedici assegnati alla Regione: 10,9 in questa fase e altri cinque in una seconda tranche. Le risorse saranno gestite dalla struttura del Commissario straordinario per la mitigazione del rischio idrogeologico in Sicilia, guidata dal presidente della Regione, Nello Musumeci. Il provvedimento destina i fondi alla progettazione di trentanove opere, delle quali 22 nel Messinese. Il presidente della Regione ha già scritto ai sindaci per comunicare loro l’importo del finanziamento. Una volta acquisita tutta la documentazione dagli enti, gli uffici della struttura commissariale, coordinati dal soggetto attuatore, Maurizio Croce, potranno procedere, attraverso gare, ad affidare le progettazioni, che dovrebbero essere redatte entro la fine dell’anno. A quel punto, i progetti saranno a disposizione, ma soprattutto cantierabili. Una volta finanziato l’intervento, le somme anticipate per la progettazione dovranno restituite al Fondo, che andrà riprogrammato e utilizzato per altre opere.
Questo l’elenco completo degli interventi finanziati nel versante jonico della provincia di Messina: Antillo, regimentazione alveo torrente Acqua vena (4,7 milioni, 137mila euro); Castelmola, consolidamento ‘Castello lato sud e sottoporta’ (2 milioni, 69mila euro); Letojanni, riqualificazione torrente Papale (2,8 milioni, 117mila euro), mitigazione erosione litorale tra via Catania e torrente Letojanni (6,5 milioni, 308mila euro), canalizzazione acque (7 milioni, 507mila euro); Pagliara, sistemazione idraulica via Vallone (1,5 milioni, 74mila euro); Santa Teresa di Riva, mitigazione rischio idraulico torrente d’Agrò (3,4 milioni, 137mila euro); Scaletta Zanclea, messa in sicurezza contrada Scaletta (4,7 milioni, 87mila euro) e protezione frazione Divieto (1,5milioni, 58mila euro); Taormina, salvaguardia e restauro ‘Isola Bella’ (2,9 milioni, 162mila euro).

Leave a Response