Alì Terme. Verso le elezioni, uno “straniero” alla guida del paese?

ALI’ TERME. E se fosse uno “straniero” a scompaginare i piani dei politici aliesi alle amministrative della prossima primavera ? Ipotesi da non escludere del tutto, considerato che il neonato gruppo politico (di giovani e meno giovani) che vede schierati tra gli altri gli ex consiglieri di maggioranza Rita Favaloro, Giovanni Cassisi e Agata Manganaro, potrebbe decidere di puntare sul nome di Carlo Giaquinta, 70 anni ex dirigente in pensione con esperienza nel sottore pubblico e privato. Anche se c’è da dire che Giaquinta ha origini aliesi ma vive a Roma da sempre. Di recente si è avvicinato al gruppo di giovani di cui fa parte anche l’ex consigliere di minoranza Francesco Gregorio. Una scelta che potrebbe rivelarsi audace quella di puntare sull’ex dirigente romano: aliese di origine, ma staccato dal tessuto socio politico della cittadina termale. La sua candidatura però non andrebbe giù ad alcuni componenti del gruppo. I prossimi giorni saranno per capire se il nome di Giaquinta può davvero rappresentare il cambiamento. Sul versante della minoranza invece sembra essere tornato il sereno: la spaccatura che vedeva da una parte Nino Melato e Laura Tringali contrapposti a Teresa Vittiglio e Agata Di Blasi, sembra essersi risanata. Dunque l’avvicinamento di queste ultime  al nuovo gruppo nato in paese sembra improbabile:  potrebbero dunque decidere di appoggiare la candidatura di Nino Melato che non ha mai nascosto le sue velleità di sindaco.

Tornando a Giaquinta, se dovesse essere confermata la sua candidatura, dovrebbe vedersela con l’attuale sindaco Peppinello Marino che ha deciso di ricandidarsi nonostante la rottura con il suo vice Pietro Caminiti, anch’egli candidato primo cittadino. Certo, competere con chi calca la scena politica da anni non sarà facile. Ma se fosse vero il proverbio: tra i due litiganti il terzo gode?

Leave a Response