Roccalumera. “Conti in regola e tasse diminuite”: approvato l’assestamento di Bilancio

ROCCALUMERA – Il Consiglio comunale ha approvato l’assestamento di Bilancio per l’anno 2017. L’argomento è passato con i soli voti della maggioranza, mentre l’opposizione ha votato contro. Sull’argomento è intervenuto l’avvocato Carmelo Saitta, esperto del sindaco Gaetano Argiroffi, per esprimere la soddisfazione dell’Amministrazione comunale. “Roccalumera insieme a qualche altro comune della riviera jonica – ha sottolineato Saitta – rappresenta un caso isolato di gestione dei conti pubblici in perfetta aderenza alle scadenze di legge”. In Sicilia il 50% dei comuni è ancora senza il bilancio del 2017 e tre comuni su quattro non hanno ancora approvato il consuntivo del 2016. “In conseguenza – ha proseguito Saitta – l’operato dell’Amministrazione Argiroffi è una autentica eccellenza nel territorio siciliano, da prendere a modello nella gestione della cosa pubblica. L’attuale gestione amministrativa è lodevole, per come essa è giunta al rispetto delle scadenze contabili, avendo i conti in perfetto ordine, e garantito i servizi pubblici, unitamente alla riduzione delle aliquote fiscali ed alla cancellazione di ogni sofferenza debitoria”. Saitta ha poi elencato come sono stati investiti i soldi pubblici. “Dall’1 gennaio del 2016, per 14 mesi, sono stati spesi 150 mila euro per bonificare la condotta fognaria, ridotta ad un marciume. Sono stati spesi 60 mila euro per opere di completamento alla ristrutturazione del depuratore oggetto di un finanziamento. Sono stati spesi 50 mila euro per mettere a regime i pozzi di sollevamento della stessa condotta fognaria. Interventi che hanno scongiurato per tutto il 2017 gli sversamenti fognari sull’arenile ed hanno permesso al nostro mare di tornare cristallino come negli anni ‘50. Ancora. Da dicembre 2016 fino ad oggi sono stati spesi ben 240 mila euro per saldare parcelle di avvocati, giacenti in attesa di pagamento da svariati anni. E’ stato abbassato 1 punto di Imu con un risparmio per i contribuenti di circa 140 mila euro. E’ stata abbassata di 10 centesimi la tariffa per l’acqua, venendo fissato il costo, per i residenti e non, in base al consumo. E’ stato abbassato il costo della luce votiva da 15 euro a 10 euro. E da ultimo è stata scoperta e recuperata evasione fiscale per circa 300 mila euro. Insomma – ha concluso Saitta – un andamento della pubblica amministrazione totalmente asservito alla soddisfazione dell’interesse pubblico e delle esigenze dei cittadini”.

Leave a Response