Taormina : “Athos” e “Aszkor” due dei cani carabinieri al servizio del G7

A garantire la sicurezza dei 7 grandi della Terra in occasione del G7, ci penseranno anche due fedeli amici dell’uomo: “ATHOS” e “ASZKOR” , due cani Carabiniere di razza Pastore Tedesco specializzati nella ricerca di armi e materiale esplodente in forza al Nucleo Cinofili Carabinieri di Nicolosi.
ATHOS , dal nome di uno de “I TRE MOSCHETTIERI”, è uno splendido esemplare di Pastore Tedesco di 3 anni, dal pelo grigio, che ricorda un lupo selvatico,
In forza al Nucleo cinofili da circa un anno, ATHOS nella seppur breve carriera, si è dimostrato abilissimo per la ricerca di esplosivi insieme al suo inseparabile conduttore, Insieme al suo collega ASZKOR, il più giovane dei due, Pastore Tedesco di 2 anni, in forza da soli due mesi al Nucleo cinofili, sono ora chiamati a contribuire a garantire la sicurezza
ATHOS e ASZKOR, oltre a operare quotidianamente in attività di servizio, partecipano ai programmi sulla “Legalità” che l’Arma dei Carabinieri conduce con le scuole di ogni ordine e grado anche attraverso dimostrazioni cinofile, sempre apprezzate dai giovani studenti.
ATHOS e ASZKOR sono solo due dei cani schierati dall’Arma dei Carabinieri nella cornice del G7 di Taormina, che vedrà un impegno massiccio del Servizio Cinofili Carabinieri, istituito il 9 giugno 1956, al fine di assicurare l’impiego di Carabinieri conduttori e cani in attività di polizia giudiziaria, di ricerca, di soccorso in aree sensibili e in tutte le operazioni in cui tale intervento fosse stato ritenuto di valido supporto.
Un altissimo livello di addestramento caratterizza l’impiego dei Carabinieri conduttori e dei cani, che in circa 50 anni di attività ha registrato innumerevoli, preziosi risultati nel campo della polizia giudiziaria, accanto ai molti episodi di soccorso e di assistenza. Particolarmente accurata è la scelta e l’ “arruolamento” dei cani, l’addestramento dei quali viene impartito e mantenuto costantemente sino a quando il cane per “limiti di età” viene trasferito al ruolo “di guardia” e cessa dal servizio, pur rimanendo ovviamente tra i ranghi del Nucleo.

Leave a Response