Con il primo venerdì dell’Evviva Maria sono iniziati a Fiumedinisi le celebrazioni in preparazione della festa della Vara.

Sono iniziati ieri sera, a Fiumedinisi, le celebrazioni in preparazione della festa della Vara, una manifestazione religiosa che si svolge nel centro collinare con cadenza quinquennale per celebrare l’Annunciazione dell’Angelo alla Madonna. Stavolta però dall’ultima edizione sono passati nove anni. Ieri sera, dunque, sono iniziati i cosiddetti venerdì dell’Evviva Maria. In pratica per sette venerdì si svolge una manifestazione che si snoda attraverso le vie del paese intonando il canto dell’Evviva Maria. Canto accompagnato da diversi strumenti musicali. Ogni venerdì è organizzato da diverse categorie sociali, che, rispetto alla tradizione, sono stati sostituiti da nuove categorie sociali. Per esempio quello di ieri sera, che anticamente era riservato al clero è diventato dell’arciprete, così come il prossimo del 1° luglio che era del magistrato è diventato del Comune o l’ultimo riservato ai “puvireddi” è adesso del popolo. Ogni categoria sociale organizza la serata, che alla fine si conclude sempre con l’offerta ai partecipanti di prelibatezze gastronomiche in piazza. Ieri sera erano presenti numerosi sacerdoti, tra cui mons. Gaetano Tripodo, delegato ad omnia della Curia, don Giuseppe La Speme, ex parroco d Fiumedinisi e don Nino Caminiti, ex direttore della Caritas diocesana. A fare gli onori di casa don Daniele Femminò, arciprete di Fiumedinisi. I preparativi prevedono per domani pomeriggio, a partire dalle 15, l’inizio delle prove dei tre ragazzi che il giorno della festa dovranno impersonare il Padreterno, l’Angelo e la Maria. I ragazzi del paese si sfideranno per cinque domeniche, esibendosi in un antico canto dialettale con cui viene interpretato il mistero dell’ Annunciazione. Alla fine tra tutti verranno scelti i tre ragazzi in base alla qualità della loro voce. Domani la prima prova si svolgerà sul sagrato della chiesa di S. Nicola, che è la chiesa più antica di Fiumedinisi, in cui sono custoditi i pezzi della Vara. Le quattro domeniche successive si svolgeranno, invece, sul sagrato della chiesa Matrice. La caratteristica della festa della Vara di Fiumedinisi consiste nel fatto che sulla grande struttura ci sono personaggi viventi e che la Vara viene trasportata a spalla da circa 150 devoti vestiti di bianco e non trascinata con le corde. La festa della Vara si svolgerà il prossimo 14 agosto.

Leave a Response