Nizza di Sicilia. Piano comunale amianto, scatta il censimento

NIZZA – Prosegue l’iter per la predisposizione del “Piano comunale amianto”. Dopo l’affidamento dell’incarico all’ing. Giuseppe Puglisi di Messina per la predisposizione dell’elaborato, è scattato sul territorio comunale il censimento della presenza di amianto. L’obiettivo è quello di monitorare tutti i siti, edifici, impianti, mezzi di trasporto, manufatti e materiali contenenti amianto, in modo da prevenire eventuali smaltimenti illeciti e programmare gli interventi di rimozione e smaltimento. Tutti i soggetti pubblici o privati interessati, così come i soggetti imprenditoriali che secondo la normativa vigente svolgono attività di bonifica e smaltimento dell’amianto, sono obbligati a darne comunicazione all’Arpa – Agenzia regionale per la Protezione dell’Ambiente della Provincia di Messina, indicando tutti i dati relativi alla presenza di amianto. Dati che poi saranno utilizzati dal Comune per la predisposizione del Piano. Al fine di agevolare il censimento, l’Amministrazione comunale ha messo a disposizione delle famiglie e delle imprese un apposito modulo da compilare e restituire entro la fine di marzo. La violazione degli obbligo di autonotifica, fanno sapere dal Palazzo municipale, determinerà l’applicazione delle sanzioni previste all’art. 15 comma 4 della legge n. 257 del 27 marzo 1992, che vanno da un minimo di 2mila 582 euro ad un massimo di 5mila 164 euro. I moduli sono disponibili presso l’ufficio tecnico comunale. Sarà cura del Comune trasferire poi i dati all’Arpa, struttura territoriale di Messina.

Leave a Response