Alì Terme, contenzioso comune-vigili urbani. Il sindaco Marino ha incontrato il viceprefetto

Trasferta messinese, in Prefettura, del sindaco Giuseppe Marino che ha incontrato il viceprefetto Carmelo Musolino per affrontare la questione Vigili urbani, che contestatono energicamente la modifica del servizio decisa dalla Giunta comunale. Una modifica dovuta, si dice, alla carenza di fondi nelle casse comunali che impedisce all’amministrazione di pagare, tra l’altro, le prestazioni straordinarie. E così la Giunta Marino aveva deciso di predisporre nuove regole organizzative attuando orari fissi di lavoro e senza fare ricorso alla turnazione, visto che “l’espletamento del servizio a orari stabiliti migliora la capacità operativa degli addetti e consente di destinare maggiori risorse alla produttività individuale”, si legge nella delibera di Giunta. Per i sindacati invece le nuove disposizioni ”non garantiscono alcuni dei servizi di vigilanza essenziale”. Da qui la querelle. Marino è stato convocato a Palazzo di Governo su richiesta dei sindacati di categoria Silp-Pol, Cisl-Fp e Uil-Fpl, che hanno proclamato lo stato di agitazione. Quello tra il sindaco e Musolino è stato un confronto interlocutorio poichè una decisione definitiva sarà presa una volta che saranno ascoltati tutte le parti in causa, compresi gli agenti di polizia municipale. Da quanto si è potuto sapere, in Prefettura sono stati affrontati alcuni temi tra cui la necesssità di dotare i vigili di un’auto di servizio. ”Su questo problema abbiamo trovato una soluzione con il dott. Musolino – ha detto Marino – con l’acquisto di un’auto di seconda mano che la Polizia di Stato periodicamente mette in vendita. Dunque, con una spesa contenuta andremo a colmare questa lacuna”. Un altro impegno che Marino ha assunto con il viceprefetto riguarda la sicurezza degli studenti delle medie di contrada S. Lucia all’uscita della scuola, peraltro garantita tutti i giorni, escluso il mercoledì pomeriggio. ”Risolveremo la questione a breve – dice il primo cittadino – istituendo la figura dei ”Nonni vigili”. Marino, poi, ha confermato che verrà abolita la turnazione, “poichè – aggiunge – nessuno può obbligare a mantenerla”. A conclusione della discussione con il dott. Musolino ”ritengo, almeno per quanto ci riguarda – spiega il sindaco – che il discorso possa considerarsi chiuso perché non è nostra intenzione arretrare di un passo sulle decisioni prese”. Ma se per Marino la partita è chiusa, non lo è assolutamente per i 7 vigili urbani, tre in organico e quattro contrattisti, che devono ancora giocare le loro carte nell’incontro che tra non molto avranno in Prefettura.

Leave a Response