Madre e figlio muoiono carbonizzati nella loro casa a Bordonaro

Una donna di 90 anni, Gaetana Cucinotta e il figlio di 53 anni, Antonino Currò, sono morti la notte scorsa a causa dell’esplosione di una bombola di gas, che ha provocato l’incendio della loro abitazione in via S. Filippo nel villaggio Bordonaro, nella zona sud di Messina. Madre e figlio sono stati trovati carbonizzati. I vigili del fuoco hanno dovuto impiegare due squadre per domare le fiamme e circoscrivere l’incendio in modo da mettere in sicurezza il resto della palazzina. Sul posto sono arrivati anche pattuglie della Polizia insieme ai colleghi della scientifica, incaricati di effettuare il rilievi. Per stabilire le modalità dell’incidente sono ancora in corso le indagini. Dalle prime indiscrezioni sembra, comunque, che intorno alle 2.30 della notte scorsa l’anziana donna, svegliatasi a causa del forte odore di gas, abbia acceso la luce determinando l’esplosione, che è stata avvertita in tutto il quartiere. Un’esplosione, le cui fiamme in un attimo hanno distrutto l’abitazione e non hanno concesso scampo ai due. I vigili del fuoco hanno, infatti, trovato madre e figlio nella camera da letto, come dicevamo, carbonizzati. Bisognerà ora stabilire dove fosse posizionata esattamente la bombola e cosa abbia provocato la fuga di gas.

Leave a Response