“Taormina Futura” rompe ufficialmente con il sindaco Giardina e la coalizione che lo sostiene: “Incapaci di cambiare marcia”

TAORMINA- ‘Taoarmina Futura’ rompe gli indugi e prende ufficialmente le distanze dall’amministrazione Giardina. Il gruppo guidato da Bruno De Vita e dal coordinatore Salvatore Valerioti assumerà sia in Consiglio comunale che nel dibattito politico, una posizione autonoma ed indipendente. Una decisione che arriva dopo settimane di polemiche e trattative scaturite dal nuovo assetto politico “incapace –  si legge nella nota di Taormina Futura- di cambiare marcia e rilanciare una gestione amministrativa, che in due anni, non ha concretizzato alcun punto o obiettivo previsto nel Programma presentato agli elettori”.  “Prima ancora di pensare ai nominativi degli assessori – continua la nota del gruppo che fa riferimento a Bruno De Vita- avevamo chiesto la preventiva sottoscrizione di un documento che certificasse composizione ed obiettivi della maggioranza, per verificare la reale volontà di “cambiare marcia”. Il Sindaco, dopo averlo accettato e sottoscritto, con la connivenza della coalizione che lo sostiene, ha deciso di evitare il confronto e non condividere con le forze politiche della maggioranza i temi e le ipotesi di rilancio dell’attività amministrativa contenuti nel documento e da noi fortemente richiesti da tempo”. Taormina Futura già all’indomani della nomina della nuova Giunta contestava i criteri con  i quali il sindaco Eligio Giardina ha scelto i quattro  assessori, ed in particolare la decisione di riconfermare soltanto Gaetano Carella di Taormina Futura, ma che non era il nome scelto dal gruppo. Nonostante durante le consultazioni che hanno preceduto la nomination i il primo cittadino abbia chiesto ad ogni gruppo di indicare un proprio rappresentante il sindaco Giardina alla fine ha nominato la sua Giunta che non ha rispecchiato nei fatti la volontà di Taormina Futura. Risultato: una spaccatura all’interno del gruppo con Carella che rimane in Giunta e Taormina Futura che si attesta su una posizione indipendente “senza alcun vincolo di appartenenza ma con la consapevolezza – conclude la nota di Taormina Futura- di poter sostenere le scelte che si condividono e rigettare e contestare le carenze e mancanze del governo cittadino”.

Leave a Response