Nizza. Appaltati i lavori di realizzazione della segnaletica turistica

NIZZA DI SICILIA – Entro quest’anno la cittadina nizzarda sarà attrezzata di un servizio di promozione dell’interessante patrimonio artistico-culturale di cui dispone. Sono stati infatti assegnati in via provvisoria ad una ditta di S. Teresa di Riva i lavori per la realizzazione della segnaletica turistica stradale. L’impresa vincitrice ha offerto un ribasso del 30,7770 per cento su un importo di 30 mila euro, compresi gli oneri per la sicurezza, e 8 mila euro per somme a disposizione. Il finanziamento è stato accordato all’amministrazione Di Tommaso dall’assessorato regionale al Turismo, sport e spettacolo. L’innovativo sistema di indicazione consentirà di raggiungere facilmente i siti scegliendo l’itinerario su cui muoversi. Sulle principali strade, come la centralissima via Umberto I e il Lungomare, saranno installati una serie di cartelli che indicheranno luoghi e strutture di maggiore pregio paesaggistico e culturale di cui dispone Nizza di Sicilia. Tra questi il Parco suburbano Rocca Buticari, il Museo del Risorgimento nel quale sono esposte armi e cimeli, documenti, monete, medaglie, dipinti, stampe, che ripropongono momenti e personaggi di quel periodo storico, la Galleria d’arte dove vengono ospitate mostre durante tutto l’arco dell’anno, la Biblioteca comunale con i suoi oltre 30 mila volumi, il Museo di Scienze naturali che offre una collezione di zolfi, celestine e aragoniti siciliane, l’allume della vicina Roccalumera, la pirrotina di Fiumedinisi, il ”marmor porphyriticum” di contrada Migliuso, l’oro della miniera di contrada Volpone. E inoltre, i resti di quello che fu il castello D’Alcontres del XVI secolo, le antichissime chiese di San Giuseppe, Asssunta e San Giovanni ma anche agli impianti sportivi: la piscina coperta, il campo di calcio e quelli da tennis, il poligono di tiro a volo in contrada. Sono previsti pure cartelli stradali a ”Bed and breakfast”, pensioni, pizzerie, e locali che preparano cibi e pietanze tipici della gastronomia nizzarda.

Leave a Response