Castelmola. Cittadinanza onoraria per l’attore Tony Morgan

Dopo la presentazione in anteprima nazionale al Municipio di Taormina nei giorni del Taormina Film Fest, Domenica 21, a partire dalle ore 20.30, nel corso di un apposito happening voluto dall’amministrazione guidata dal Sindaco Orlando Russo, dall’Assessore a Cultura e Turismo Eleonora Cacopardo con la direzione artistica del Museo del Castello di Mola ‘Art Promotion Taormina’, produzione, cast e troupe del cortometraggio “Solo – Il coraggio di non farlo” approderanno all’imponente Castello di Castelmola, altra suggestiva location dell’opera, per celebrare un successo ormai certificato dai tanti consensi e calorosi applausi ricevuti. Realizzato da un’idea di Leonardo Sorbello e Tony Morgan, sceneggiatore ed interprete del film, per la regia di Paolo Conti, il “corto” ha numerosi pregi, primo fra tutti quello di affrontare un’attualissima tematica come il sovraindebitamento di un imprenditore; inoltre, è stato realizzato a costo zero, grazie anche all’apporto di alcuni seri professionisti ed all’entusiasmo di giovani interpreti, ed è una meravigliosa cartolina di presentazione per il “made in Sicily” e per questo territorio dal forte richiamo turistico e culturale. Quanti avranno il piacere di partecipare all’evento, ad ingresso libero, si caleranno in vero e proprio incontro con l’arte a 360°: infatti, anche se il cinema fa la parte del “leone”, il gusto estetico del pubblico sarà deliziato dai numerosi pittori, scultori, musicisti e cantanti che invaderanno letteralmente la scalinata ed il percorso, che porta alla sommità del Castello. Prima della proiezione del Film, all’interno del museo l’autore e protagonista del film Tony Morgan incontrerà in un’apposita conferenza stampa gli intervenuti. Alla proiezione farà seguito un momento particolarmente emozionante per Tony Morgan: l’attore e regista siciliano sarà infatti insignito della cittadinanza onoraria di Castelmola, da parte dell’amministrazione comunale, per meriti artistici e la promozione turistica e culturale del territorio.

Leave a Response