Letojanni. Sì unanime del Consiglio all’ingresso nell’Unione di Naxos e Taormina

LETOJANNI – Il Consiglio Comunale di Letojanni ha detto si all’ingresso del centro rivierasco nell’Unione dei Comuni del comprensorio di Naxos e Taormina. Un iter bloccato da anni. All’ Ente sovracomunale nato nell’ottobre 2009, hanno aderito i sindaci di Giardini (come comune capofila), Mongiuffi Melia e Gallodoro. Le aspettative in fase di nascita erano più vaste, ma sono state bocciate (oltre che da Taormina) anche Castelmola e Letojanni che adesso hanno avuto un ripensamento e vorrebbero confluire nell’Unione. Lo statuto, comunque, prevedeva già che la partecipazione all’Unione potesse essere estesa ad altri Comuni. È stabilito, però, che l’ingresso definitivo sia subordinato al parere dei consigli comunali. Quello di Letojanni, in tutta la sua totalità, ha approvato l’adesione all’Unione. Un voto unanime che non ha, però, evitato accese polemiche in Consiglio. Ad innescare la scintilla alcune affermazioni del sindaco, Alessandro Costa, sulle motivazioni per cui Letojanni è rimasta fuori dal sodalizio, nonostante sia stata, a suo tempo, promotrice dell’iniziativa. “Basta rinvangare gli errori del passato” ha risposto il consigliere di minoranza, Fabio Cicala. Il primo cittadino ha ricordato come l’affossamento  dell’iniziativa sia stata opera dell’opposizione con la complicità di alcuni dissidenti di maggioranza, tra cui anche Cicala. Difficile il compito del presidente del civico consesso, Antonio Riccobene, di abbassare i toni riportando la discussione sugli altri argomenti all’ordine del giorno. Il punto successivo riguardava la denominazione di Letojanni “Città del Volo” per via dell’intensa attività sportiva di parapendio e deltaplano che viene praticata  da anni nella località rivierasca.

Leave a Response