Alì Terme. Approvato il piano triennale delle opere pubbliche

ALI’ TERME – La Giunta ha approvato lo schema di programma triennale delle Opere pubbliche 2015-2017. Dentro è stato messo tutto di più per cui appare improbabile se non assurdo pensare che in poco meno di tre anni si possano realizzare i lavori previsti per i quali sono necessari ben 75 milioni di euro. Si tratta dunque di un Programma virtuale se si tiene soprattutto conto che già quest’anno si dovrebbero spendere 11 milioni, 38 nel 2016 e 26 milioni nel 2017. L’amministrazione Marino, quindi, non ha fatto altro che elencare opere prioritarie che hanno caratteristiche tali da poter, più probabilmente, essere inseriti in futuro in specifici programmi di finanziamento. Se il mega Programma fosse concretizzato, dovendo pur aspettare qualche decennio ma non certamente i prossimi tre anni , Alì Terme potrebbe competere sotto il profilo della funzionalità dei servizi ed attività di pubblico interesse con il paese delle meraviglie di Alice. Nel libro dei sogni, perché di questo adesso bisogna parlare, sono state inserite opere strategiche delle quali peraltro si discute da oltre 20 anni. Tra i buoni propositi, numerose le ”chicche”. Iniziamo con la realizzazione di un parcheggio alla spalle della palazzina dell’ex Pretura, la sistemazione idrogeologica del Torrente Ali a difesa dell’abitato, l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e nel centro urbano, la costruzione in ampliamento di n° 2 sezioni di scuola Materna, opere infrastruttuali e di urbanizzazione nelle aree artigianali di contrada Sadano e Saitta, arredo urbano in via Maria Teresa federico, adeguamento rete idrica interna e del sistema esterno. Ma c’è dell’altro: Consolidamento del costone in contrada Mollerino-Capo Ali a protezione del centro abitato, della Ferrovia e della statale 114, costruzione della strada interna di via Tiro a Segno in attuazione del Prg, difese spondali del Torrente Fiumedinisi a protezione dei nuclei abitati di Ali Terme, consolidamento a protezione del centro abitato e della strada provinciale 28 in località Ariella, realizzazione di una via di fuga alternativa alla Sp 28 di collegamento tra l’abitato di Ali, la Via Roma alta ed il centro abitato, realizzazione di una centrale di energia da fonti alternative rinnovabili sugli edifici pubblici o privati, sistemazione e ristrutturazione interna del cimitero comunale 3° stralcio, costruzione delle strade di collegamento tra la Via S. Lucia e la Via F. Crispi lato sud, opere a protezione del mare dell’area in via Marina dall’ex campo sportivo fino a via S. Lucia, ottimizzazione della viabilità rurale finalizzata alla valorizzazione del limone Interdonato, sistemazione di piazza Caduti, rifacimento di piazza Stazione e della via G. Santoro di collegamento con la statale 114, strada di collegamento tra la strada provinciale 28 Ali Terme-Ali Superiore e contrada Scoppo, completamento della rete fognante, riqualificazione area marina di Capo Ali, restauro della Casa Interdonato da adibire a museo, sistemazione e completamento della strada panoramica di interesse turistico che collega la litoranea (statale 114) con il Capo Ali (Torre Saracena), costruzione delle bretelle di collegamento tra le strade comunali S. Giuseppe e Saitta e la Via F. Crispi. Ma c’è dell’altro, che però lungo sarebbe elencare. 

Leave a Response