Fiumedinisi. Il sindaco Rasconà relaziona sulle condizioni finanziarie dell’Ente: “Si punta sulla lotta all’evasione”

FIUMEDINISI –  ”Per l’amministrazione comunale è un periodo economicamente molto critico e si riesce a fare il minimo indispensabile”.  La ”confessione” è del sindaco Alessandro Rasonà durante i lavori del Consiglio chiamato ad approvare il rendiconto della gestione per l’esercizio finanziario 2014”. Rasconà ha aggiunto che la maggior parte delle risorse  ”sono utilizzate per gli stipendi e che quindi ben poco rimane per i servizi”. Per incamerare soldi, il sindaco ha ricordato che c’è in corso il recupero fiscale, definita l”azione principale” per scovare gli evasori. A dare dei suggerimenti all’amministrazione Rasconà ci ha pensato il consigliere d’opposizione Luigi Caminiti che, tra l’altro, ha raccomandato di razionalizzare la spesa e auspicato una ”maggiore efficienza dei servizi che i cittadini pagano”. Sulla questione imposte, Caminiti ha inoltre evidenziato che era necessario creare capitoli ben precisi con riferimento alle singole imposte e che comunque è ”bene dividerli in capitoli specifici per maggiore chiarezza e trasparenza”. Sul punto è intervento il presidente del Consiglio, Mario Puglisi, il quale ha assicurato la volontà dell’amministrazione di ”predisporre una rendicontazione delle imposte evase non appena saranno definiti i ricorsi pendenti” di numerosi contribuenti. Poi il dibattito ha toccato la gestione del cimitero con Caminiti che ha posto l’accento sulle lampade votive per le quali negli anni il Comune non ha incassato un centesimo. A dare risposta sulla questione il ragioniere comunale Carmelo Bonarrigo: ”Sono stati fatti solleciti alla ditta che gestisce il servizio – ha detto – mentre si è provveduto a cancellare i residui al 31 dicembre 2013 ed accertato solo il 2014”. Sull’argomento è intervenuto un altro rappresentante d’opposizione, Orazio De Francesco, che ha chiesto che venga rifatto l’iter di affidamento per illuminazione votiva. Il sindaco Rasconà, inoltre, ha colto l’occasione per rimarcare che il camposanto sarà sistemato entro giugno. Su sollecitazione della minoranza, è stato affrontato pure il problema della ristruttuazione dell’antico Palazzo della Zecca. Il presidente Puglisi ha detto che è stato già effettuato un sopralluogo a cui seguiranno i lavori per renderlo agibile. Infine è stato approvato con i 5 voti della maggioranza il conto del bilancio dell’esercizio 2014, che si è chiuso con un avanzo di amministrazione di 10.608,93 euro. Hanno votato contro i due consiglieri di minoranza, Caminiti e De Francesco. Cinque i consiglieri assenti.

Leave a Response