Taormina. Piattaforma galleggiante nella baia di Isola Bella, arriva il “no” del Cutgana

TAORMINA- Il Cutgana dice no alla piattaforma galleggiante da installare nella baia di Isola Bella. L’ente gestore della riserva naturale orientata di Isola Bella, ha bocciato l’istanza relativa alla concessione demaniale dello specchio d’acqua prospiciente Isola Bella per l’installazione “di sei gavitelli con segnalamento notturno per la collocazione di una piattaforma galleggiante destinata ad isola relax”. Il parere tanto atteso è finalmente arrivato ed è in linea con quanti, Legambiente in testa, consideravano la piattaforma una violazione al patrimonio naturale. Esaminati i documenti, il Cutgana ha dichiarato in una nota firmata congiuntamente  dal direttore del Cutgana Giovanni Signorello e dal direttore dell’area protetta, Anna Abramo che la concessione è in contrasto “con le finalità istitutive della riserva e con gli obiettivi di conservazione del SIC e quindi incompatibile con la fruizione eco-sostenibile di un’area protetta”. “Il Cutgana – continua la nota – ritiene che l’opera proposta inciderà negativamente sul caratteristico skyline paesaggistico della baia Isola Bella il cui valore scenico è universalmente riconosciuto; sulla qualità della fruizione turistico-balneare della baia in relazione all’incremento insostenibile di natanti nella baia e sulla tranquillità dei luoghi”. In particolare, il Cutgana ritiene, che l’installazione della piattaforma avrebbe ricadute negative sulla qualità degli habitat costieri.  La valutazione negativa  del Cutgana è stato notificata all’Ufficio del Demanio Marittimo di Messina ed inoltrato per conoscenza anche al Comune di Taormina, alla Capitaneria di porto di Messina, alla Soprintendenza del Mare dell’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana, al Genio civile di Messina, alla società Kiosks Sea srls e al dipartimento Ambiente dell’assessorato regionale Territorio e Ambiente.

Leave a Response