Alì. Vigilantes solitario che veglia sul paese

ALI’ – Non ha assolutamente niente a che vedere con l’uomo invisibile raccontato dall’omonimo film degli anni Trenta tratto dal romanzo fantascientifico di H. G. Wells, il misterioso individuo che quatto quatto si aggira solitario in ore serali ma anche notturne tra vicoli e piazze come se volesse tenere sotto controllo il paese. Per passare inosservato agisce da perfetto segugio, rannicchiandosi, se necessario, anche tra auto parcheggiate o agli angoli di crocevia poco illuminati. La sua mission, sarebbe quella di garantire tranquillità e ordine in paese. Ma più che uno dei servizi segreti, lo si può ragionevolmente paragonare ad una sorta di vigilantes improvvisato e, ovviamente, disarmato. Insomma, prende appunti che memorizza per evitare che finiscano in mani sbagliate. Il suo motto: prevenire per non trovarsi impreparato nell’adottare provvedimenti nei confronti dei ”cattivi” di turno. Il ”curioso” di Alì non sarebbe persona aggressiva, tutt’altro. Ha solo il vizietto di ”rubare” qualche confidenza tra gli amici che se la discutono in piazza. E questo suo sgattaloiare per Alì con l’accosciarsi dietro le auto, non è passato inosservato, tanto che qualcuno ne parla seppur sottovoce. Una presenza, bene sottolinearlo, di cui non c’è assolutamente da preoccuparsi ma che dà fastidio a molti che ritengono di essere spiati come si usa fare nei regimi totalitari. Ma chi è? Bocche cucite, non per timore ma più semplicemente per evitare che il nostro possa essere esposto alla berlina, alla derisione. Il paese è piccolo e la voce che gira per raccontare questa storia nostrana è arrivata anche fuori, ad Alì Terme, dove ha sede la stazione dei carabinieri che ha giurisdizione pure sul territorio di Alì.

(Nella foto, Alì. L’uomo agisce da perfetto segugio anche in ore notturne)

Leave a Response