Alì Terme. Mattarella declina l’invito, non parteciperà alla cerimonia d’inaugurazione della palestra polivalente

ALI’ TERME – Sono tramontate definitivamente le speranze di una visita-lampo nel centro termale del presidente della Repubblica Mattarella in occasione della manifestazione d’inaugurazione, il prossimo 3 giugno, della palestra polivalente di contrada S. Lucia intitolata al fratello, l’ex presidente della Regione, Piersanti, ucciso dalla mafia a Palermo nel 1980.  A spegnere gli entusiasmi una lettera del segretario generale della Presidenza della Repubblica firmata dal capo del cerimoniale Luigi Cremoni indirizzata al sindaco Giuseppe Marino, che aveva recentemente invitato ad Alì Terme il Capo dello Stato. ”Mi riferisco alla sua cortese lettera – scrive il cerimoniere a Marino – con la quale ha invitato il Presidente della Repubblica a presenziare alla cerimonia d’inagurazione ed intitolazione alla memoria di Piersanti Mattarella del campo polivalente comunale di Alì Terme in programma mercoledì 3 giugno 2015. A tal proposito – si legge nella missiva della Presidenza della Repubblica – nel ringraziarla di cuore per l’attenzione rivolta al signor Presidente con la sua gentile richiesta, devo comunicarle, con rammarico, che a causa dei numerosi impegni già consolidati nell’agenda presidenziale non è previsto, allo stato attuale, che il Capo dello Stato possa recarsi nei prossimi mesi nel Messinese”. Infine, il responsabile del cerimoniale, conclude che ”il Presidente Mattarella affida a questa lettera i sensi della sua ideale partecipazione alla cerimonia e, nell’esprimere apprezzamento per l’appassionata e intensa attività da lei profusa nella promozione della cultura della legalità, le invia i migliori auguri per la piena riuscita dell’evento insieme ad un cordiale saluto”. Il sindaco Marino fino a qualche giorno fa era fiducioso della possibilità di una visita, seppur di brevissima durata, di Mattarella in paese. Infatti, stando a notizie giornalistiche, comunque non confermate finora, il 3 giugno, il presidente avrebbe dovuto essere a Messina, a soli 24 chilometri da Alì Terme. L’arrivo del Capo dello Stato nella città dello Stretto sarebbe coincisa con la ricorrenza dei 60 anni della Conferenza di Messina dell’allora Ceca (Comunità europea del carbone e dell’acciaio) che mise le basi per la costruzione dell’Unione Europea. Per l’evento sono stati invitati, tra gli altri, gli ambasciatori dei 27 Paesi che fanno attualmente parte dell’Unione. Ma a Messina Mattarella non ci sarà come del resto viene confermato dal capo del cerimoniale che ha fatto sapere con la nota inviata al sindaco di Alì Terme che ”non è previsto, allo stato attuale, che il Presidente possa recarsi nei prossimi mesi nel Messinese”.

Leave a Response