Roccafiorita e Limina in festa per San Filippo

Roccafiorita e Limina in festa per San Filippo. Ieri, nel centro che sorge alle pendici di monte Kalfa, il Santo d’Agira è stato solenne festeggiato nel corso della mattinata. Alle 10.30, nella chiesa dell’Immacolata, è stata officiata la Santa Messa solenne, celebrata da padre Paolino Malambo ed animata dalla locale corale, con all’organo Emilia Mazzullo e Domenico Orlando. Tantissimi fedeli, provenienti anche da Calatabiano e Mongiuffi Melia, hanno preso parte al sacro rito. A mezzogiorno, al termine della funzione Eucaristica, il simulacro di San Filippo, posto sulla vara, è uscito dalla chiesa per dare inizio alla processione lungo le vie del paese. Al suono delle marce intonate dalla banda musicale, hanno avuto luogo, per lunghi tratti del corteo, i caratteristici balletti che simboleggiano la vittoria del Santo sui demoni. Poco prima del rientro, nella piazzetta antistante la chiesa, la vara di San Filippo è stata fatta ruotare su se stessa dai portatori. Un momento di forte commozione, al quale hanno preso parte tantissimi devoti. Volti rigati dalle lacrime e scroscianti applausi hanno salutato, infine, il rientro di San Filippo. I festeggiamenti, a Roccafiorita, culmineranno il 28 giugno, ultima domenica del mese, quando si svolgerà la tradizionale “Ottava”. Anche Limina, in questi giorni, si è vestita a festa per San Filippo. Dopo il pellegrinaggio presso l’antica chiesetta di passo Murazzo, che lunedì 11 maggio ha dato ufficialmente il via alla celebrazioni, ieri, solennità liturgica del Santo, nel corso della mattinata, nella chiesa di San Filippo, è stata celebrata una Santa Messa. In serata, con inizio alle 19, il simulacro di San Filippo è stato portato in processione lungo le vie del paese. Al corteo hanno preso parte numerosi fedeli, oltre alle autorità cittadine, con in testa l’uscente sindaco Filippo Ricciardi. La processione, dopo la sosta di preghiera in piazza Guglielmo Marconi, si è conclusa nella chiesa di San Sebastiano con le fasi di rientro. Proprio da qui, sabato prossimo, in occasione dell’Ottava, la statua di San Filippo uscirà, diretta verso le contrade Calvario e Durbi. Una processione che si caratterizza per i tradizionali giri e balletti della vara, che rievocano la vittoria del Santo sui demoni.

FRANCESCO GABERSCEK

Leave a Response