TaoArte. Vertice a Palermo, ancora distanti Comune e Regione sulla trasformazione in Fondazione

“Le posizioni sono differenti, ma siamo certi che si troverà un terreno di sintesi sul quale lavorare”. E’ fiducioso il sindaco di Taormina Eligio Giardina all’indomani dell’incontro, avvenuto a Palermo, con l’assessore regionale al turismo Cleo Li Calzi. Il primo cittadino ammette che la Regione e il comune di Taormina hanno un unico obiettivo che è rappresentato dalla costituzione della Fondazione, “ma le idee di partenza – incalza Giardina – sono diverse”. Nonostante ciò il primo cittadino è certo che si arriverà presto ad una decisione condivisa che punti alla salvezza della pregiosa kermsesse. “Tutti debiti che oggi sono a carico di Taormina Arte provengono da molto lontano – dice il sindaco – e sono il frutto di una gestione politica sbagliata. In passato arrivavano contributi regionali ingenti – aggiunge – e nonostante tutto si accumulavano debiti”. Che oggi ammontano a 4 milioni e mezzo di euro. Oggi i finanziamenti destinati alla kermesse hanno subito una decurtazione del 70% e far quadrare i bilanci è davvero arduo. I dipendenti, dal canto loro, chiedono certezze sul futuro. Ma Eligio Giardina è certo che a breve la questione troverà soluzione: “Nei prossimi giorni il comune e la regione svilupperanno il proprio progetto per salvare Taoarte e nella prossima settimana – aggiunge Giardina – ci confronteremo per arrivare ad una soluzione condivisa”. L’unico punto fermo rimane la volontà, espressa da entrambe le parti, di costituire la Fondazione: “Non c’è alternativa – conclude Giardina – e continuiamo a muoverci in questa direzione”.

Leave a Response