Furci. Finanziato il completamento della strada per Grotte e Calcare

FURCI – E’ alla firma del Cipe (Comitato Interministeriale per la programmazione economica) il finanziamento di 2,4 milioni di euro per il completamento della strada Furci-Grotte-Calcare. A darne notizia in contemporanea, ma con due note stampa distinte, sono stati il sindaco di Furci Sebastiano Foti e l’ex consigliere provinciale Matteo Francilia, rivale di Foti alle precedenti amministrative. “Negli scorsi anni – ha spiegato il primo cittadino – fu finanziata solo la prima parte di questa strada, mentre oggi, con questo provvedimento saranno realizzati i lavori di completamento della sede viaria che costeggia il torrente Savoca con la contestuale messa in sicurezza e potenziamento degli argini che proteggono il paese”. “Sento il dovere” – ha continua Foti – “di ringraziare personalmente l’ex Consigliere Provinciale Matteo Francilia, considerato il fatto che questo risultato è in larghissima parte attribuibile all’impegno da lui profuso in questi anni avendone seguito l’iter burocratico dalle sue origini. Lo ringrazio per quanto fatto a nome di tutti i nostri concittadini. Non appena sarà firmato il decreto da parte del CIPE sarà mia cura convocare una conferenza stampa congiunta con Matteo Francilia per illustrare i dettagli del provvedimento. Questo testimonia il fatto” – conclude il Sindaco Foti” – che lavorando insieme per Furci si possono raggiungere grandi risultati per la propria comunità”. “Con il provvedimento alla firma del Cipe – ha aggiunto Francilia – sono previsti anche altri due interventi nella zona jonica e precisamente nei comuni di S. Alessio Siculo (cui vanno 1,5 milioni per il ripascimento della spiaggia) e Itala. H seguito personalmente l’iter burocratico – ha proseguito Francilia – insieme all’avvocato Francesco Rigano sin dal 2008 con molteplici viaggi tra Roma e Palermo. Francilia ha ringraziato l’on. Gianpiero D’Alia, il Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti e soprattutto l’Assessore Regionale al Territorio Maurizio Croce”. “La buona politica” – conclude Francilia – “è la politica del fare, in modo costruttivo sempre e comunque, anche quando si sta all’opposizione, negli interessi esclusivi della propria comunità”.

Leave a Response