Taormina. Spaccatura nel gruppo di minoranza “Alternativa 2015”: Caltabiano e Tona lasciano

TAORMINA – Che la maggioranza consiliare, numericamente non sia più tale è cosa bene nota. Adesso però, inaspettate tensioni e mal di pancia hanno fatto esplodere anche il gruppo “Alternativa 2015”, formato da Carmelo Valentino, Rosy Sterrantino, Vittorio Sabato, Liliana Tona e Alessandra Caltabiano, ovvero gli scontenti dell’ex maggioranza che all’indomani del defenestramento dalla Giunta di Salvo Cilona sono passati dall’altra parte della barricata. Più compatti che mai per abbattere il nemico Eligio Giardina e gli alleati. Adesso però qualcosa sembra non andare più per il verso giusto, l’idillio è finito? Pare di si, in quanto AlesandraCaltabiano e Liliana Tonna hanno ufficialmente abbandonato “Alternativa 2015”. Loro rappresentano l’ala intransigente del gruppo e sul futuro sono categoriche: nessuna apertura al sindaco Giardina. Insomma quello che proprio non è andato giù a Tona e Caltabiano sarebbe stato il possibile riavvicinamento tra Sabato ed il primo cittadino.“Non sono disposta a trovare un’intesa con il sindaco – dice la Caltabiano -perché non capisco cosa sia cambiato da dieci mesi ad ora, a meno che non azzeri la giunta e nomini una giunta tecnica e che sia rigorosamente a tempo”. Insomma la scelta, non condivisa a quanto pare, di dialogare con Giardina proprio non va giù al consigliere comunale: “Preferisco rimanere indipendente per essere chiara e coerente con le mie idee e con ciò in cui credo fermamente”. Poi una stoccata anche ai componenti di “Alternativa 2015” ormai ex compagni di viaggio: Trovo anarchia sia nell’amministrazione ma anche nell’opposizione a cui imputo una mancanza di unitario progetto di alternativa a questa giunta. Troppi personalismi, troppi strateghi, troppa poca chiarezza”. Alessandra Caltabiano è asolutamente intransigente e non ha alcuna intenzione di fare un passo indietro e per il futuro di Taormina vede solo una soluzione: Rimango ferma nella necessità di un radicale cambio amministrativo per il nostro comune con la sfiducia al sindaco non appena scadranno i tempi dell’immunità che gli ha concesso la legge regionale. Rimango convinta sulla necessità di creare le condizioni amministrative per andare a votare quest’anno”. Poi il consigliere riendica la sua appartenenza al gruppoTaormina Città Viva“a cui – dice la Caltabiano – mi lega l’amicizia e la stima oltre che a Valentino anche a tanti suoi elettori e candidati”. Ancora oggi, a distanza di 10 mesi, la cacciata di Cilona non è stata ancora digerita: “ A tutt’oggi trovo immotivata la scelta del sindaco Giardina di azzerare la giunta un anno fa ponendo fine a tutto traumaticamente dimostrando che il problema di Taormina è e rimane il dottor Giardina a cui infine- conclude Caltabiano – rivolgo il mio forte e sempre più convinto invito affinché si dimetta”.

Leave a Response