Alì Terme. Inchiesta assegnazione alloggi popolari, a breve la decisione della magistratura

ALI’ TERME – La vicenda giudiziaria relativa all’assegnazione dei 20 alloggi di edilizia economica e popolare di contrada ”Sadano”, all’altezza del quartiere Mastroguglielmo, dovrebbe essere definita a breve dalla magistratura. Il voluminoso fascicolo, circa 380 pagine, è già sul tavolo della Procura di Messina in attesa di essere esaminato dal magistrato che ha disposto l’indagine. Una storia lunga quasi 2 anni, che ha inizio ancor prima della consegna delle case, nel momento in cui alcune famiglie escluse erano venute a conoscenza della graduatoria. Una questione che continua ad alimentare in paese più di un sospetto, ecco perché si auspica che venga chiusa al più presto o con una archiviazione oppure con la contestazione di eventuali responsabilità. Gli aventi diritto erano entrati materialmente nelle case a dicembre del 2012. L’attività istruttoria per l’assegnazione degli alloggi era stata espletata da una commissione nominata dall’Istituto autonomo case popolari che, ovviamente, aveva tenuto in considerazione la documentazione fornita dall’amministrazione comunale e su questa assegnò i vari punteggi. I 20 appartamenti, completati nell’aprile 2010, furono consegnati agli eventi diritto, come detto, ai primi di gennaio 2013. E seppur non dai palchi comiziali, durante la campagna elettorale la questione fu oggetto di discussione. Si arrivò a parlare anche di scandalo, di gente che avrebbe alterato o falsificato la documentazione esibita, di pressioni, pur di acquisire posti utili per l’assegnazione. Rimaniamo però nel campo delle ipotesi. E se la magistratura dovesse riscontrare anomalie nella composizione della graduatoria? Ci si potrebbe trovare di fronte ad un paradosso, ad una beffa perché chi già si trova dentro casa dovrebbe riconsegnare le chiavi per far posto ad altri. Le due palazzine di edilizia economica, che dispongono di appartamenti che variano da 60 a 80 metri quadri, sono state realizzate grazie un finanziamento regionale di 1 milione e 418 mila euro.

Leave a Response