Furci, compostaggio domestico: il regolamento approda in aula

FURCI. Approda in aula oggi pomeriggio il regolamento comunale per l’istituzione e l’adozione del compostaggio domestico e collettivo dei rifiuti solidi urbani. Il Consiglio sarà chiamato ad approvarlo, avviando di fatto l’iter che dovrebbe pertare, in tempi non ancora certi, al varo della raccolta differenziata. I cittadini che lo vorranno, potranno dotarsi di compostiera domestica dove disfarsi dell’umido, creando concimi per le coltivazioni. Il resto (carta, vetro e plastica), al momento, finirebbe nei cassonetti. Quanti intendano aderire all’iniziativa dovranno comunicarlo al Comune ed otterranno degli sgravi sulla bolletta della Tari, la tassa sui rifiuti.”Questo – spiega l’assessore all’Igiene, Saverio Palato – rappresenta il primo passo concreto verso la differenziata che contiamo di far partire a regime con il varo dell’Aro (l’ambito di raccolta ottimale) che quanto prima dovrebbe sostituire l’Ato, che sinora ha gestito il servizio rifiuti dalla raccolta allo smaltimento”. Il Piano, redatto in sinergia dai Comuni di Furci e Roccalumera, al momento è al vaglio della Regione in attesa del via libera. Nella seduta di oggi, convocata dal presidente Gianluca Di Bella per le 17, si insedierà anche il baby sindaco Thomas Moschella , contestualmente al Consiglio dei ragazzi appena eletto. E sarà ufficializzata la fuoriuscita di Roccafiorita (subentrerà Mandanici) dal Consorzio universitario

Leave a Response