Taormina. Teatro Antico, la Regione non versa al Comune il 30% dei proventi dallo scorso luglio

TAORMINA  – Lo stato di salute delle casse comunali  non è certo dei migliori. Ma se ad alla crisi economica, che sta attanagliando la Città del centauro così come il resto d’Italia, si aggiunge anche la Regione, la situazione diventa davvero complessa. E già perché Palazzo dei Giurati ormai dallo scorso luglio non incassa più il 30% dei proventi del Teatro Antico, in virtù di una convenzione stipulata con la Regione, così come previsto dalla legge regionale n.10 del 27 aprile 1999. Eppure il Comune di Taormina ha giocato d’anticipo chiedendo il rinnovo della convenzione qualche mese prima della scadenza della stessa, fissata a giugno scorso. Eppure, proprio da allora, nelle casse comunali di Palazzo dei Giurati non vi è traccia dei versamenti chela Regione avrebbe dovuto effettuare. Stiamo parlando di 600 mila euro totali che di certo farebbero comodo all’ente locale, sull’orlo del dissesto finanziario. Per dirimere la questione e cercare di fare chiarezza l’assessore alla Cultura Alessandra Caruso insieme al dirigente comunale Giovanni Coco si è recata a Palermo. Al competente assessorato regionale è stato fatto intendere che le somme non arriveranno tanto presto nelle casse di Taormina. Il perché è presto detto: la Regione è intenzionata a redigere un nuovo schema di convenzione, valido per tutti i siti archeologici siciliani dunque anche per il teatro antico di Taormina.Ma il comune di Taormina potrebbe anche spazientirsi… I DETTAGLI NEL TG90 DELL’11 DICEMBRE 

Leave a Response