Nizza di Sicilia. Ampliamento cimitero, ok del Consiglio comunale al project financing

Sarà firmata entro dicembre la convenzione tra il Comune di Nizza di Sicilia e il Consorzio d’imprese messinese a cui è stata affidata, con il sistema del project financing, la gestione e l’ampliamento del cimitero per i prossimi 29 anni. Il progetto prevede una spesa di due milioni e 45 mila euro. E su questo argomento in Consiglio c’è stato un confronto serrato maggioranza-minoranza. L’amministrazione Di Tommaso ha assicurato che il gestore privato, come del resto già previsto e confermato nel momento dell’approvazione della bozza di convenzione, avrà possibilità di scelta ma dovrà utilizzare esclusivamente manodopera locale. Altra clausola, conseguenziale, prevede quindi il divieto assoluto dell’utente ad affidarsi a ditte di propria fiducia com’è stato finora. Le lapidi saranno uguali per tutti, di marmo bianco di Carrara. Sarà consentita qualche variante sempreché questa non vada ad alterare l’omogeneità del contesto della nuova sezione cimiteriale, che si estenderà su un terreno adiacente di oltre 4 mila quadri. L’intero Relativamente ai loculi da realizzare, spiega il sindaco Di Tommaso,i prezzi fissati sono pressoché uguali a quelli praticati in altri paesi vicini al nostro. Per una cella di prima fila ci vorranno mille euro, 1.400 in seconda, 1.200 ero in terza fila. Per le quattro cappelle gentilizie previste a 10 loculi con altrettanti cellette ossario, invece, ci sarà un aumento di 5 mila euro, mentre per i 27 mausolei doppi 2 mila euro. Prezziario, questo, che rimarrà invariato per il 2015-2016 poi i ritocchi a rialzo saranno applicati secondo parametri Istat. In 16 anni saranno costruiti 1065 celle. L’acquirente avrà come interlocutore sempre il Comune dal quale, tra l’altro, acquisterà le tombe. Il ricavato poi sarà versato ogni sei mesi al Consorzio d’imprese. Nella nuova zona del camposanto saranno pure costruiti una strada che si svilupperà dall’ingresso principale esistente, vialetti alberati attrezzati con sedili e fontane, giardini e nuovi muri perimetrali e il deposito in attesa della sepoltura. Il tutto sarà inserito in modo da riprodurre un contesto artistico. Sulla questione cimitero, il gruppo di minoranza ”Cambia Nizza”, ha espresso voto contrario perché ritiene che l’amministrazione Di Tommaso ha lasciato carta libera al gestore e ciò  costringerà per i prossimi 29 anni i cittadini a sottostare alle regole imposte.

Leave a Response