Furci. Bilancio di previsione, via libera del revisore dei conti: mercoledì si torna in aula per l’approvazione

FURCI. Il Bilancio di previsione 2014 torna in aula per l’approvazione, con notevole ritardo. Lo strumento finanziario, anche se con qualche “raccomandazione”, ha ottenuto il via libera del revisore dei conti, Gianfranco Moschella. Passato il vaglio della Commissione, il presidente Gianluca Di Bella, ha fissato la riunione del Consiglio, in seduta ordinaria, per mercoledì prossimo alle 18.30. In quella sede dovrà essere fugato ogni dubbio sui contenuti del previsionale, già all’ordine del giorno del civico consesso il 15 ottobre. Ma allora è stato rinviato in quanto la Giunta l’aveva ritirato qualche giorno prima per un grossolano errore degli uffici: una voce era stata ripetuta due volte, con lo stesso oggetto. Era quella inerente i contributi della Regione per i lavoratori precari per un ammontare di oltre 600mila euro. Lo strumento finanziario (da 17 milioni di euro) è così tornato al vaglio degli uffici di competenza e dell’esecutivo. C’era da coprire il “buco”. All’errore si è fatto fronte ritoccando i vari capitoli, abbassando notevolmente le spese. Il tutto – assicurano gli amministratori – garantendo i servizi ai cittadini. Contestualmente è stata aumentata la voce inerente le entrate Imu, che raggiungono il milione e 100mila euro (lo scorso anno c’era una previsione di 850mila euro)”. Superato lo scoglio Commissione si passa all’esame dell’aula. Lo scorso fine settimana la tensione è giunta alle stelle in seguito ad una lettera anonima inviata ad un consigliere di maggioranza e al capogruppo di minoranza, Francesco Rigano. “E’ una lettera dai toni pacati – ha commentato Rigano – che non ha nulla di offensivo. Vengono mosse delle criticità e ci viene chiesto di verificare lo strumento finanziario. Per quanto ci riguarda, e mi riferisco al gruppo al quale appartengo – ha aggiunto – al di là dell’anonimato, analizzeremo il Bilancio con grande attenzione, come avremmo comunque fatto”.

Leave a Response