Morte di Enzo e Federico, l’amministrazione proclama il lutto cittadino

Le foto-copertina del profilo facebook di Enzo Casablanca erano dedicate alle sue due grandi passioni: le moto e i cavalli. E proprio per seguire quest’ultima il 37enne era in viaggio con Federico Andò, l’amico di sempre, verso Verona. Lì i due giovani ragazzi avrebbero partecipato alla Fieracavalli. Ma quel viaggio si è concluso nel modo più tragico. I due ragazzi siciliani sono morti mentre erano fermi in una piazzola di sosta, a bordo della loro utilitaria. Un’auto in transito li ha travolti. E’ finita così, per sempre la loro vita. La notizia si è diffusa velocemente e sui social network sono centinai i messaggi degli amici: dolore, rabbia, incredulità per una morte beffarda. Arrivata all’improvviso. Manuela scrive: “Non ho parole, ciao ragazzi”. Le fa eco Donatella: “Rimarrete per sempre nei nostri cuori, Riposate in pace”. E chi come Maurizio commenta la notizia scrivendo: “Morire così è inumano”. Sul profilo del “S.Teresa di Riva” si legge: “Diamo forza alle famiglie spezzate da questo forte dolore”. E il pensiero oggi va a chi, genitori e parenti dei due ragazzi, sono ancora sotto choc. Alla moglie di Federico che porta in grembo il loro terzo genito. A lui, la mamma un giorno dovrà spiegare perché non ha conosciuto papà. Federico, titolare della ditta Turbostrans, erano molto conosciuto a S.Teresa di Riva. Sgomenti ancora gli amici dei due giovani. I funerali di Enzo e Federico si svolgeranno molto probabilmente mercoledì. Per quella stessa giornata l’amministrazione comunale del sindaco Cateno De Luca proclamerà il lutto cittadino:”Siamo vicini al dolore delle famiglie di Enzo e Federico. – si legge in una nota emessa dal comune – Quest’ultimo, nostro concittadino, era conosciuto da tutti in paese e apprezzato per la grande disponibilità e correttezza. Esprimiamo il nostro più vivo cordoglio alla famiglia – conclude l’amministrazione – certi di interpretare il sentimento di tutta la comunità proclameremo il lutto cittadino in modo da permettere alla comunità di partecipare alle esequie ed esprimere vicinanza alla famiglia”.

Leave a Response