Alì Terme. Il sindaco riorganizza i vigili urbani e chiama in aiuto il comandante di Nizza di Sicilia

ALI’ TERME – Il sindaco, Giuseppe Marino, intende riorganizzare il Corpo dei vigili urbani. L’iniziativa per dire anche basta a sospetti e contrapposizioni che ormai da tempo, da troppo tempo, serpeggiano all’interno della sede del Comando di piazza Prestia. Esattamente dal 2009, in coincidenza del blitz dei carabinieri nell’ufficio dei vigili che diede l’avvio all’inchiesta della magistratura sulle contravvenzioni stradali ”aggiustate”. Per questa vicenda, con l’accusa di falso, abuso e truffa, sono stati rinviati a giudizio l’ex comandante Fortunato Pistone e l’attuale comandante facenti funzioni Rosaria Toscana. E che ci sia un clima di veleni all’interno del Corpo della polizia municipale, c’è da registrare da ultimo l’esposto-denuncia inviato alla Procura dall’ex comandante Pistone che accusa la sua collega, l’ispettrice Rosa Ceccio, di aver firmato arbitrariamente alcuni atti di polizia municipale in assenza del comandante facenti funzioni Rosaria Toscano. Ma fino ad oggi, chi aveva l’obbligo d’intervenire, ha preferito non sentire o vedere. E solo adesso ci si è accorti che bisogna agire. E per raggiungere l’obiettivo Marino ha ritenuto opportuno rivolgersi ad un esterno, il comandante dei vigili di Nizza Sicilia, Giovanni Bolena, che ha già ottenuto il necessario assenso del sindaco Di Tommaso. Adesso però è necessario che tra i due Comuni venga sottoscritta la relativa convenzione. Stando a quanto dice Marino, Bolena sarà a disposizione del comune aliese due mesi e per 12 ore la settimana. Costo complessivo dell’operazione 1.600 euro. L’arrivo ad Alì Terme di Bolena è previsto comunque dopo il pronunciamento della Commissione disciplinare comunale che dovrà adottare i conseguenti provvedimenti nei confronti di Pistone e Toscano dopo il loro rinvio a giudizio. I due potrebbero essere destinati ad altra mansione in attesa della conclusione del processo di primo grado. E se per l’ex comandante Pistone non ci sarebbe problema perché già da tempo si è fatto trasferire all’ufficio tecnico, la questione si pone invece per l’ispettrice Rosaria Toscano, provvisoriamente al comando dei Vigili, nel momento in cui dovesse essere sollevata dall’incarico. In questo caso il Corpo di polizia municipale si troverebbe ”scoperto”. E così Marino ha messo le mani avanti chiedendo la collaborazione del comandante Giovanni Bolena che andrebbe a sostituire a tempo determinato la Toscano. La questione sarebbe superata se Pistone e la Toscano dovessero uscire indenni dal primo grado di giudizio. In caso di una loro condanna, il comandante Bolena potrebbe rimanere ad Alì Terme per lungo tempo.

Leave a Response