Taormina. Il Comune ad un passo dal comissariamento. Il Consiglio non riesce ad approvare il bilancio

TAORMINA – Quello che sta attraversando il comune di Taormina ormai da mesi non è certo il periodo più roseo della storia dal punto di vista economico. Si potrebbe obiettare dicendo che si tratta di una crisi generalizzata che si estende all’intera Italia. Ma anche a livello politico è in atto una continua e logorante diatriba, fatta di colpi bassi. Senza esclusione di colpi. E adesso ci si mette anche il bilancio, croce di ogni Comune. E la Città del Centauro non fa eccezione: il Consiglio comunale non trova sintesi sullo strumento finanziario di previsione che si sarebbe dovuto approvare entro il 30 settembre. Dunque, facendo due conti … l’amministrazione è fuori tempo massimo. E l’ombra del commissariamento appare sempre più vicina. Attualmente però a Palazzo dei Giurati non è stato notificato alcun decreto. Ma non è escluso che ciò possa avvenire nei prossimi giorni. Si conosce già il nome del funzionario che la regione potrebbe inviare nella Perla: si tratta di Domenico Ventura Mastrolembo, laureato in economia aziendale, dipendente del dipartimento delle Autonomie Locali. Insomma il bilancio è in impasse. A non far tornare i conti è stata la richiesta di restituzione da parte del governo nazionale del fondo di solidarietà destinato ai Comuni. Taormina dovrebbe restituire 1 milione e 400mila euro. Una cifra considerevole per le casse già agonizzanti di Palazzo dei Giurati. Che ci sia qualcosa che non va è evidente: la maggioranza, o quel che ne rimane, non è capace di affrontare le problematiche della città. L’ex maggioranza, insieme all’opposizione, non fa sconti e spesso, pretestuosa, attacca l’amministrazione. Insomma ognuno segue e difende la propria strada. Ma una domanda sorge spontanea. In tutto questo chi tutela i cittadini?

Leave a Response