Alì. Master in Geologia forense con simulazione di un caso di omicidio plurimo

ALI’ – L’amministrazione Fiumara ha dato disponibilità all’Università di Messina per il master in Geologia forense che prenderà il via a gennaio. E’ organizzato dal Dipartimento di Scienze dell’ambiente, della sicurezza, del territorio, degli alimenti e della salute. Docenti e studenti saranno impegnati ad Alì per complessivi 80 giorni. Nelle campagne aliesi, tra l’altro, è prevista la simulazione di un caso di omicidio plurimo e gli iscritti al corso effettueranno il repertamento sulla scena del crimine e le analisi conseguenti saranno elaborate nell’Ateneo messinese. Collaboreranno inoltre specialisti del Ris dei carabinieri di Messina e unità cinofile della Polizia di Stato per la ricerca di resti umani. Nel suo genere il corso è unico in Europa ed è finalizzato alla formazione di esperti in Geologia forense che abbiano una conoscenza di base in campo giuridico ed un’elevata capacità e competenza tecnico-scientifica, che consenta loro di affrontare con maggiore professionalità la redazione e la discussione di perizie e attività come consulente tecnico d’ufficio (Ctu) nei procedimenti civili, o come perito/consulente nei procedimenti penali. Un ritorno d’immagine importante per il piccolo centro collinare. ”Così è – dice il primo cittadino -. Sarà occasione per far conoscere ai tantissimi ospiti la millenaria storia del nostro paese, i monumenti di cui disponiamo, primo fra tutti il Duomo di S. Agata di epoca tardo rinascimentale e i suggestivi panorami che in pochi possono vantare. Ci stiamo attrezzando per offrire al meglio il supporto logistico. A tale scopo siamo già impegnati a rendere accoglienti le abitazioni di proprietà del Comune che si trovano nel centro storico per ospitare docenti e studenti che intendono soggiornare ad Alì. Per gli incontri abbiamo messo a disposizione l’antico palazzo Brunaccini”. L’amministrazione Fiumara, inoltre, sta monitorando dei terreni a monte del centro abitato che verranno utilizzati per le esercitazioni. ”Fiumara – ha avuto modo di dire la prof. Roberta Somma, ricercatrice dell’Università di Messina e direttrice del master – è sindaco molto sensibile alle tematiche giovanili e alla divulgazione dei saperi”. Il master vedrà impegnati “i massimi esperti forensi, anche di calibro internazionale – ha spiegato la docente -. La fase di apprendimento più importante – ha sottolineato – prevede che i partecipanti al master entrino direttamente nel vivo del mondo forense, prendendo parte a esercitazioni sul campo. Nei terreni del comune di Alì si svolgeranno infatti delle simulazioni con ricerca di target sepolti, tramite l’uso del georadar presumibilmente in équipe con ‘cani da cadavere’ ”.

Leave a Response