Taormina. Asm, Tajana chiede le dimissioni dell’amministrazione. Giardina: “Faccia il tecnico, non il politico”

TAORMINA – Continuano le polemiche dopo la sospensiva del tar che reintegra Tajana a liquidatore Asm. E fanno discutere le ultime dichiarazioni, forse faremmo meglio a dire provocazioni,  del liquidatore Cesare Tajana, reintegrato alla guida di Asm in seguito ad una sospensiva del Tar. E mentre si attente la sentenza di merito prevista per la prima settimana di settembre il numero una della municipalzizzata lancia un affondo all’amministrazione: “ Ritirerò la mia richiesta di risarcimento danni – ha detto – solo se i consiglieri che hanno votato la mia revoca decideranno di lasciare la politica.lo stesso – ha aggiunto Tajana – vale per la Giunta”. Su Palazzo dei Giurati pende una richiesta danni di 3 milioni di euro da parte del liquidatore che ha visto revocarsi l’incarico dal Consiglio comunale per ben due volte. In entrambi i casi sono seguite altrettante sospensive nelle aule di Tribunale. Dunque solo le dimissioni dei consiglieri firmatari e dell’Esecutivo taorminese potrebbero convincere Tajana a desistere e a fare un passo indietro. Il sindaco Eligio Giardina però gela il iquidatore: “Non ho nessuna intenzione di dimettermi – taglia corto il primo cittadino che poi aggiunge – invito il signor Tajana a fare il tecnico e non il politico e ad occuparsi del bene della Città”. Giardina poi mette le cose in chiaro: “Il titolare dell’azienda sono io… IL SERVIZIO E LE DICHIARAZIONI INTERGRALI NEL TG90 DEL 12 GIUGNO 2014

Leave a Response