Scaletta Zanclea. Si è fermato il cuore della bambina napoletana di 5 anni caduta in mare il 5 agosto da una barca

SCALETTA ZANCLEA – Non ce l’ha fatta la bambina napoletana di 5 anni in coma al Policlinico dal 5 agosto scorso quando la barca su cui si trovava con il padre, lo zio ed un amico di famiglia si è ribaltata al largo di scaletta Zanclea. Rebecca Mozzillo la notte scorsa intonro alle 4 è andata in arresto cardiaco e niente hanno potuto fare i medici del reparto di terapia intensiva pediatrica per strapparla alla morte. Le condizioni di Rebecca erano apparse disperate fin dal primo momento a causa delle conseguenze cerebrali provocate dalla lunga anossia. La bambina era in vacanza con la famiglia a Scaletta e stava facendo una gita sulla barca di un amico del padre nonostante le condizioni meteomarine non fossero ideali. Improvvisamente si è alzato il vento che ha messo in difficoltà l’imbarcazione di tre metri. Le violente raffiche hanno provocato il ribaltamento della barca e Rebecca è finita in mare e c’è rimasta a lungo finchè alcuni soccorritori non sono riuscita a recuperarla. I primi ad intervenire sono stati un uomo con un acquascooter, alcune imbarcazioni che si trovavano non distanti e perfino alcuni bagnanti che, nonostante il mare agitato, si sono tuffati in acqua per raggiungere la bambina. Nessuna conseguenza invece per il padre e lo zio della bambina che sono stati ricoverati al policlinico ma se la sono cavata con prognosi di pochi giorni. Sulla vicenda indagano i Carabinieri di Scaletta e la Guardia Costiera che hanno già inviato una dettagliata relazione alla Procura della Repubblica. C’è da accertare se vi siano profili di responsabilità da parte del proprietario e degli occupanti l’imbarcazione sulla quale si trovava la piccola Rebecca.

Leave a Response