Zona ionica. In trasferta ladri rumeni 20enni e catanesi minorenni, ad Alì Terme rubata un’auto a Roccalumera svaligiata una casa

ROCCALUMERA – I carabinieri della locale caserma, in collaborazione con quelli di Alì Terme, hanno arrestato per furto aggravato di un’autovettura fuoristrada, Benone Marian Capraiu, 25 anni, e STIUCA’ Andrei Constantin Stiucà, 24 anni, rumeni, nullafacenti e già noti alle forze dell’ordine. Tutto ha avuto inizio ad Alì Terme intorno all’una di notte, quando il derubato, vedendo i due che si allontanavano con l’auto di sua proprietà, ha immediatamente informato telefonicamente il comandante della stazione di Roccalumera, luogotenente Santo Arcidiacono, fornendogli indicazioni sulla direzione di fuga del mezzo. I militari hanno subito posto in essere una frenetica ricerca dei due ladri, insieme ai colleghi di Alì Terme e ad un’altra pattuglia della Compagnia di Messina Sud. Non ci è voluto molto per i carabinieri intercettare i fuggitivi ancora a bordo dell’auto rubata ed a mettersi al loro inseguimento. Il tentativo dei due ladri rumeni di risalire a Roccalumera il torrente Pagliara nell’intento di dileguarsi, si è rivelato vano. Infatti, le ricerche andate ininterrottamente avanti per l’intera notteo hanno portato al rinvenimento del fuoristrada nel letto del torrente ed al rintraccio, poco distante, dei due rumeni, i quali sono stati bloccati dai militari e dichiarati in arresto e, su disposizione dell’autorità giudiziaria, ristretti nelle camere di sicurezza della Compagnia di Messina Sud in attesa del rito direttissimo. Sempre a Roccalumera, verso le ore 13, a seguito della telefonata di un cittadino che, poco prima, aveva notato tre giovani introdursi furtivamente all’interno di un’abitazione di via Umberto I, i carabinieri della stazione di Roccalumera si sono precipitati sul posto, sorprendendo i ladri nell’atto di uscire dall’appartamento appena svaligiato, e di allontanarsi frettolosamente. I tre sono stati immediatamente bloccati dai carabinieri e perquisiti. Dall’appartamento avevano sottratto una somma contante di oltre 5.000 euro, che è stata restituita all’anziana proprietaria. I tre arrestati, tutti minorenni catanesi, studenti ed incensurati sono stati trasferiti nel centro di prima accoglienza di Catania in attesa del rito direttissimo.

Leave a Response