S. Teresa Riva. Caos rifiuti, cassonetti maleodoranti e strapieni, contenitori spariti, beni ingombranti per le strade

SANTA TERESA DI RIVA  – Cassonetti maleodoranti e strapieni già nel primo pomeriggio, contenitori per la differenziata letteralmente spariti, beni ingombranti lasciati sul territorio comunale senza rispettare giorno e orari stabiliti: nella cittadina jonica è caos rifiuti. Una situazione aggravata dalla diffusa mancanza di senso civico e, in parte, anche dalla scarsa informazione agli utenti.
Vediamo di fare chiarezza. A disciplinare le “norme igienico sanitarie e comportamentali” ci ha pensato un’ordinanza del 2009 (la 66 del 3 agosto) firmata dall’allora sindaco Alberto Morabito. Tra i vari aspetti che regola, il provvedimento si occupa anche dello smaltimento dei beni durevoli e ingombranti; quindi, elettrodomestici in disuso, mobili, poltrone, divani, materassi, computer, etc. L’articolo 3 specifica che «è fatto obbligo di depositare i predetti rifiuti solo ed esclusivamente dalle 18 di tutti i mercoledì del mese alle 8 del mattino successivo, poiché la raccolta di tali rifiuti, da parte dell’Ato Me4 avverrà ogni giovedì».
Pochi dimostrano di conoscere questa disposizione, tanto che gli ingombranti vengono lasciati accanto ai cassonetti nei giorni più disparati. Ma per chi vuole disfarsene c’è un’altra possibilità, ancora più comoda: si può richiedere il ritiro a domicilio, per un massimo di due pezzi, chiamando il numero di telefono 0942/791342. I rifiuti dovranno essere lasciati, nel giorno concordato, al piano stradale in cui è ubicato il domicilio del richiedente. La stessa ordinanza regola, poi, lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. L’articolo 7 specifica che i rifiuti devono essere depositati all’interno dei cassonetti dalle 20 alle 4.
Peccato che quasi nessuno lo rispetti. In tal senso, non sarebbe una cattiva idea invitare i vigili urbani ad effettuare controlli mirati. Infine, viene segnalata dai cittadini più responsabili la rimozione in diverse zone del paese dei cassonetti per raccolta differenziata.

Leave a Response