Nizza Sicilia. Giacomo D’Arrigo non può tornare a sedere in Consiglio comunale

NIZZA DI SICILIA – Ad oltre un mese della sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa, che ha messo la parola fine sulle querelle relativa ai seggi spettanti alla minoranza, riassegnandoli al gruppo “Cambia Nizza”, non è stato ancora convocato il consiglio comunale. Nei giorni scorsi, comunque, il Comune ha preso atto della sentenza, pubblicandola all’albo pretorio online. La convocazione della seduta dovrebbe essere, quindi, imminente. Ma c’è una novità e non di poco conto. Giacomo D’Arrigo (nella foto) non può tornare a sedere in Consiglio assieme ai quattro colleghi di “Cambia Nizza”, Carmelo Campailla, Francesco Miceli, Antonietta Cintorrino e Alessia Coledi. Il 38enne candidato sindaco alle elezioni del 2012 è stato, nel frattempo, nominato, dal Consiglio dei ministri, direttore dell’Agenzia nazionale per i giovani si trova infatti in una posizione di incompatibilità. Il primo dei non eletti è Francesco D’Amico, ma a quanto pare l’ex segretario del locale circolo del Pd, che lasciò a Franco Parisi il coordinamento del circolo per impegni di lavoro, sarebbe intenzionato per le stesse ragioni a non accettare la surroga. Toccherebbe, quindi, al secondo dei non eletti, Carmelo Ciatto, prendere il posto di D’Arrigo. Lo vedremo nel corso del prossimo consiglio comunale, che a questo punto sarà chiamato solo a surrogare D’Arrigo. Durante la seduta verrà semplicemente preso atto che non sussiste più la decisione del Tribunale amministrativo regionale (ribaltata dal Cga) che aveva ordinato l’insediamento dei cinque consiglieri della lista “Libera Nizza” al posto quelli di “Cambia Nizza”, dopo il riconteggio di alcune schede di voto contestate.

 

Leave a Response