Consorzio di bonifica, vertice a Messina per chiudere la stagione dei commissariamenti

A pochi giorni dal suo insediamento, il Commissario Straordinario dei Consorzi di Bonifica della Sicilia Orientale, dott. Francesco Petralia, prosegue nel calendario di incontri finalizzato alla ricognizione della situazione esistente all’interno delle singole realtà consortili, al fine di creare le condizioni per chiudere la lunga stagione dei commissariamenti e ripristinare la normalità nella gestione dei Consorzi di Bonifica siciliani, come da preciso indirizzo dell’Assessore Regionale all’Agricoltura avv. Ezechia Paolo Reale. Il commissario è stato a Messina, dove, nella sede del Consorzio di Bonifica 11, alla presenza dell’on.le regionale Pippo Currenti e del Direttore del Consorzio 9 di Catania, Giuseppe Barbagallo, ha incontrato il direttore dell’ente consortile della Città dello Stretto, dott. Domenico Cuccione, i vertici dell’area tecnica, ing. Eugenio Pollicino e dell’area finanziaria dott. Alessandro Marino e rag. Renato Curreri, nonchè il legale del Consorzio avv. Antonio Lanfranchi. Nel corso dell’incontro si è discusso delle problematiche e delle prospettive di sviluppo dei Consorzi Siciliani, alla luce della svolta impressa dalla recente legge regionale n.5/2014. Sono state evidenziate e sottoposte all’attenzione dell’on.le Currenti le questioni che meritano, nel breve periodo, maggiore attenzione a livello politico (estinzione della passività, rideterminazione ed estensione delle competenze, riqualificazione del personale), in modo da garantire, unitamente alla conclusione della lunghissima stagione caratterizzata da una gestione straordinaria degli enti, l’utile avvio del nuovo percorso che, attraverso l’istituzione dei due nuovi Consorzi Siciliani, restituisca dignità e funzionalità ai suddetti enti, i quali, anche attraverso l’accesso ai fondi comunitari, potranno finalmente svolgere un ruolo di fondamentale importanza a sostegno dell’agricoltura dell’Isola. Si è infine, discusso delle problematiche proprie della realtà consortile del territorio messinese, le cui peculiarità potrebbero trovare nel nuovo assetto dell’Ente consortile una concreta risposta, soprattutto con riferimento alla realizzazione di interventi di tutela del territorio e prevenzione del dissesto idrogeologico, che costituisce una grave e tragica emergenza di questo territorio.

Leave a Response