Roccalumera. Aro del ”Dinarini”, entro quest’anno in 9 Comuni nuovo sistema per la raccolta dei rifiuti

ROCCALUMERA –  Sarà una società di Messina a redigere il Piano di intervento dei rifiuti da sottoporre all’approvazione dell’assessorato regionale dell’Energia per procedere all’affidamento, all’organizzazione e alla gestione del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti. Tra i nove che hanno risposto all’avviso della pubblica amministrazione, finalizzato ad acquisire le manifestazioni di interesse per l’affidamento della redazione del Piano, la società peloritana ha presentato l’offerta più vantaggiosa.
Si tratta di una assegnazione provvisoria dell’incarico, in attesa della verifica dei requisiti dichiarati in sede di gara, come previsto dalla vigente normativa. Il Piano d’intervento dovrà essere completo di capitolato speciale d’appalto, capitolato d’oneri e quadro economico di spesa. Ultimati questi passaggi e ottenuto il placet dal Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti si potrà pensare al dopo Ato e fare partire l’Aro, l’Ambito di raccolta ottimale (che nel caso specifico prende il nome di Dinarini), del quale Roccalumera è capofila. Il progetto coinvolge anche i Comuni di Furci Siculo, Pagliara e Mandanici. Il principale obiettivo è quello di fare decollare la raccolta differenziata per abbattere i costi di un servizio che a Roccalumera negli ultimi anni ha lasciato una lunga scia di debiti che hanno rischiato di mandare l’ente locale in default. «Una volta redatto il Piano d’intervento – spiega l’assessore all’Igiene Biagio Gugliotta – lo trasmetteremo al Governo regionale in tempi rapidissimi. Ottenuto il nulla osta – prosegue l’amministratore – il sistema di raccolta dei rifiuti a Roccalumera e nei comuni del nostro comprensorio cambierà radicalmente. Contiamo di partire al massimo entro 6 mesi».
L’Ambito di raccolta ottimale è finalizzato all’organizzazione e alla gestione del servizio rifiuti: dallo spazzamento alla raccolta fino al conferimento in discarica. I Comuni di Furci, Roccalumera, Pagliara e Mandanici approvarono lo scorso ottobre un protocollo d’intesa, convenendo di costituire l’Aro per la gestione integrata dei rifiuti e procedere all’affidamento dell’incarico (quello appena conferito) per la redazione del Piano di intervento. Tra gli obiettivi prioritari dei quattro Comuni consorziati c’è quello della raccolta differenziata porta a porta, il cui raggiungimento significherebbe intanto l’abbattimento dei costi del servizio rifiuti e, allo stesso tempo, l’eliminazione dei cassonetti dalle strade.

(Nella foto, il Municipio di Roccalumera)

Leave a Response