Taormina. Emergenza viabilità, allo studio soluzioni per snellire il traffico

TAORMINA- Con l’arrivo della bella stagione e dei turisti che affollano Taormina, come ogni anno, scatta l’emergenza viabilità. Confronti e innovazioni più o meno riuscite sono state all’ordine del giorno per anni. Dall’istituzione di nuovi sensi unici alle rotatorie sono state provate tutte le soluzioni per cercare di snellire il traffico. Ma nulla, ad eccezione di qualche divieto di sosta in più, è cambiato; in virtù anche dell’esigua disponibilità di strade che, per quanto riguarda il centro storico, sono solo tre: Corso Umberto, Circonvallazione e via Roma. Ma il civico consesso ci riprova. Il presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni, ha infatti convocato per martedì prossimo una riunione dei gruppi consiliari per definire un piano di intervento complessivo sulla viabilità nell’auspicato tentativo di trovare soluzioni efficaci. Perchè urgono interventi, oltre che nel centro storico, anche nelle frazioni di Trappitello e Mazzeo, dove sarebbe necessaria la presenza costante di un agente per regolare il traffico. Inoltre, a Mazzeo, bisogna chiarire se si vogliono attivare i parcheggi a pagamento. Per quanto riguarda, invece, la messa in funzione delle Zone a traffico limitato attraverso le telecamere di controllo, si dovrà capire se si tratta di effettuare un intervento che avrà come risultato solo quello di blindare il centro storico. I punti di sofferenza della viabilità a Taormina sono gli stessi ormai da anni. Tra questi, andrebbero attenzionate piazza S. Antonio e la zona di S. Pancrazio. Bisognerebbe prestare maggiore attenzione anche ai turisti che arrivano per la prima volta nella città del centauro: realizzando una cartellonistica multilingue e regolando anche gli orari per il servizio di carico e scarico merci.

Leave a Response