Taormina. Museo diffuso, lavori aggiudicati ad una ditta catanese

TAORMINA – Comincia a prendere forma il “Museo diffuso per le arti e la cultura contemporanea”. I lavori sono stati affidati in via provvisoria ad una ditta di Catania, che ha formulato l’offerta migliore tra le 141 imprese che hanno partecipato alla procedura d’appalto espletata dall’Urega (Ufficio regionale per l’espletamento di gare per l’appalto di lavori pubblici).  Si tratta nello specifico di lavori di restauro conservativo e consolidamento strutturale dei locali dell’ex Pretura e dell’ex chiesa di Sant’Agostino. Gli interventi per un importo complessivo di 974 mila euro si protrarranno, una volta avviati, per 540 giorni. L’iniziativa del Museo diffuso è stata finanziata  dall’assessorato regionale ai Beni culturali e mira all’allestimento del sito museale che consentirà, in termini concreti, la valorizzazione di due importanti immobili comunali: l’ex chiesa di Sant’Agostino di piazza IX Aprile (ora sede della biblioteca) e l’ex Pretura di Corso Umberto che in questi anni, come si ricorderà, è stata a rischio pignoramento, sulla questione giudiziaria è poi intervenuta la Sopraintendenza che con apposito decreto ha posto un vincolo architettonico e storico per la salvaguardia della fruizione pubblica del bene. Nei locali dell’ex Pretura dovrebbe nascere, in collaborazione con Taormina Arte, un museo del cinema, mentre nei locali della biblioteca di piazza IX Aprile è prevista la realizzazione di un museo di attività contemporanee , con sofisticate apparecchiature multimediali. Un percorso, quindi, di valorizzazione degli immobili comunali, che acquisteranno nuove forme e finalità, con lo scopo di  ampliare l’offerta culturale e incrementare il flusso turistico nella città del Centauro.

Leave a Response