Taormina Film Fest, sul palco della 60esima edizione Claudia Cardinale ed Eva Longoria

TAORMINA – Saranno le donne le muse ispiratrici del taormina Film Fest, che quest’anno compie 60 anni. Un compleanno in grande stile impreziosito dalle presenze della nostrana Claudia Cardinale e della splendida Eva Longoria. Il direttore Mario Sesti, e la general manager Tiziana Rocca sono al lavoro per allestire la kermesse che si svolgerà dal 14 al 21 giugno e che è promossa dal Comitato Taormina Arte. Celebri attrici da tutto il mondo saranno invitate a rappresentare le differenti decadi della vita del festival: accanto alla intramontabile bellezza di una star italiana e internazionale come Claudia Cardinale a cui sarà consegnato il Taormina Arte Award, il fascino solare di Eva Longoria che riceverà l’Humanitarian Taormina Award per “The Eva Longoria Foundation”, la fondazione che aiuta le ragazze latino-americane a costruire un futuro migliore per se stesse e i loro familiari attraverso l’istruzione e lo sviluppo di attività imprenditoriali. Oltre la scoppiettante apertura con l’anteprima di “Dragon Trainer 2” in 3D alla presenza del regista Dean DeBlois. Secondo capitolo della divertente trilogia dedicata alle avventure del giovane vichingo Hiccup e del suo drago Sdentato. Tra i film attesi al Festival: “Synecdoche, New York” di Charlie Kaufman con Philip Seymour Hoffman. Al centro della storia ci sono le vicende di Caden Cotard (interpretato da Philip Seymour Hoffman), regista teatrale frustrato, afflitto da una misteriosa malattia e ossessionato dal timore della morte. Lasciato dalla moglie che intende proseguire la sua carriera come pittrice, Caden tenterà una breve relazione con una donna, prima che la sua vita inizi misteriosamente a trasformarsi. “Jersey Boys” di Clint Eastwood, la versione per il grande schermo dell’omonimo musical vincitore del Tony Award. Il film narra la storia di quattro giovanotti che provengono dalla parte sbagliata del New Jersey, i quali si uniranno per formare il gruppo rock icona degli anni ’60, The Four Seasons. In occasione della 60^ edizione sarà pubblicato anche un prezioso volume filologico e commemorativo realizzato dallo scrittore Roberto Gervaso con la prefazione di Giuseppe Tornatore e un schizzo di Dante Ferretti, edito da Argos di Daniele Pergolizzi. Il libro, che ripercorre per immagini e parole la straordinaria moltitudine di personalità che negli anni ha calcato le scene della manifestazione da Cary Grant a Russel Crowe, da Marlene Dietrich a Sophia Loren, presenta anche un testo di Gianluigi Rondi, al quale quest’anno il festival consegna uno speciale Premio per l’apporto che, insieme ai David di Donatello, ha dato alla manifestazione nel corso delle precedenti edizioni. Mentre una Mostra realizzata da Istituto Luce Cinecittà ripercorre attraverso immagini d’epoca i grandi momenti e i grandi personaggi che nel corso degli Sessanta hanno popolato il Teatro Antico. Spazio ancora ai giovani grazie all’accordo con AGIS Scuola per cui vi sarà una Giuria Speciale di Giovani (è la Giuria Giovani dei David di Donatello) che voterà il miglior film presente al Festival e al vincitore del miglior film sarà assegnato il “Cariddino d’Oro”.

Leave a Response