Nizza Sicilia. Imu e Tasi, nessuna proroga per il pagamento delle due rate del 2014

NIZZA DI SICILIA –  Non passa in Consiglio la proposta di rinvio dell’approvazione delle aliquote Imu e Tasi per il 2014 formulata dal gruppo di minoranza «Libera Nizza». Mimma Brigandì, Aurora De Filicaia e Francesco Miceli avevano chiesto di rinviare l’argomento all’approvazione del bilancio di previsione (31 luglio) «perché la normativa non è chiara e per avere il tempo di disporre il regolamento per la Tasi, in cui applicare le detrazioni previste per le prime case ed evitare una “mazzata” per tante famiglie».
«La maggioranza – ha replicato il capogruppo Alessandro Interdonato – ha solo fatto attuare una legge, dando la possibilità ai contribuenti di pagare le tasse in due rate. Mi sembra assurdo che la minoranza sia disposta a dividere le rate per venire incontro al cittadino solo quando è lei a proporlo. Bisogna anche considerare che le aliquote approvate non sono definitive e che solo dopo aver visto il gettito della prima rata sarà possibile modificare aliquote o prevedere le detrazioni che in questo momento non è semplice applicare». «La realtà – ha controbattutto la capogruppo Brigandì – è che a Nizza, il 16 giugno e il 16 dicembre, tutti i cittadini pagheranno la Tasi sulla prima casa, anche quelli che erano esenti o avevano riduzioni per motivi di reddito, nucleo numeroso e altri casi previsti, perché l’amministrazione ha bisogno di fare cassa».

Leave a Response