S. Teresa. Un centro socio-aggregativo nella frazione Misserio, saranno spesi 660 mila euro

SANTA TERESA DI RIVA – Presentato a Palermo il progetto esecutivo per il ripristino funzionale dell’ex scuola elementare che sorge nella frazione Misserio (nella foto). L’edificio, grazie ad un intervento di 660mila euro, sarà destinato a fini socio-aggregativi. L’opera rientra nel Pist (Piano integrato di sviluppo territoriale) «Peloritani, terre dei miti e della bellezza area Jonica-Alcantara», che vede Santa Teresa centro coordinatore. L’elaborato è stato consegnato al Dipartimento competente dall’architetto Sandro Triolo, nella qualità di capogruppo della maggioranza consiliare. La scadenza era fissata per mezzogiorno. «Abbiamo preferito portare i documenti direttamente al protocollo – ha evidenziato Triolo – per scongiurare equivoci di sorta che sarebbero potuti scaturire con l’invio per posta».
Il progetto è stato redatto dall’Ufficio tecnico con l’ausilio di un architetto esterno per competenze specifiche inerenti l’impianto fotovoltaico e il riciclo dell’acqua. L’edificio, infatti, per essere ammesso a finanziamento, dovrà avere precisi requisiti, a partire dal risparmio energetico. Al momento l’ex scuola elementare della borgata collinare è utilizzata dagli anziani come centro sociale.
«Ma le finalità – evidenzia Triolo – saranno ampliate e il plesso diventerà punto di riferimento per tutte le fasce di età. Inoltre potrà anche diventare sede di eventi. La frazione – conclude il capogruppo di maggioranza – merita certamente più attenzione rispetto al passato. La riqualificazione dell’ex scuola elementare rappresenta un buon punto di partenza»

Leave a Response