”Sì” all’arresto dell’on. Francantonio Genovese dalla Giunta della Camera

La giunta delle autorizzazioni della Camera ha detto ”sì” alla richiesta di arresto per il deputato messinese del Pd Francantonio Genovese, a cui il tribunale di Messina contesta i reati di associazione per delinquere, riciclaggio, peculato e truffa. Una maggioranza formata dallo stesso Pd, da M5S e da Sel con 12 voti ha bocciato la relazione di Antonio Leone (Ncd) che diceva no alla misura cautelare sostenendo l’esistenza di fumus persecutionis. Cinque i voti contro l’arresto. Genovese, ex sindaco di Messina e campione delle preferenze (con 19.590 voti fu il più votato d’Italia alle primarie parlamentari del Partito democratico), è il primo parlamentare di questa legislatura per il quale è stato chiesto l’arresto. La procura messinese indaga su di lui dal giugno 2013 per truffa e peculato nell’ambito un’inchiesta sui finanziamenti alla formazione professionale, inchiesta che ha portato all’arresto tra gli altri della moglie Chiara Schirò.

Leave a Response