Roccalumera. Un milione e 300mila euro per l’ampliamento del depuratore consortile

RROCCALUMERA – Saranno consegnati la prossima settimana i lavori di ristrutturazione e ampliamento del depuratore consortile (la cui sede sorge a Roccalumera e comprende anche i Comuni di Furci e Pagliara) per un ammontare complessivo di circa un milione e 300mila euro. «Convocherò una riunione a giorni – ha spiegato il sindaco, Gaetano Argiroffi – in modo da formalizzare l’atto entro Pasqua».
Gli interventi partiranno subito le festività. Ad eseguirli sarà una ditta di S. Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. L’impresa ha presentato l’offerta più vantaggiosa su un importo a base d’asta pari a un milione 36mila euro e 352 centesimi, oltre gli oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso che ammontano a 21mila e 104 euro. In virtù di ciò, ha raggiunto un punteggio pari a 76,417 aggiudicandosi la gara tra cinque partecipanti. Il decreto di finanziamento dell’assessorato regionale dell’Energia, risale al giugno del 2012. E ammontava a un milione 342mila e 780 euro, di cui un milione 36mila e 352 euro per lavori a base d’asta e 285mila e 323 euro per somme a disposizione dell’amministrazione. Il 2 luglio del 2012, la Giunta municipale prese atto dello stanziamento.
Le procedure di gara erano state avviate il 3 settembre di quell’anno e i lavori affidati in via provvisoria in seguito all’espletamento delle procedure d’appalto (novembre 2012). Una ditta esclusa in sede di apertura delle offerte, presentò ricorso, accolto dal Tar il 10 ottobre del 2013, che ha annullato gli atti impugnati, cioè il verbale di aggiudicazione provvisoria. Di qui la necessità di espletare nuovamente la gara. I termini per eventuali ricorsi sono scaduti e non ne sono stati presentati. Tutto è pronto, insomma, per eseguire l’opera che potenzierà il depuratore, ormai obsoleto, ed eliminerà una serie di gravi disagi.

(Nella foto, il sindaco Gaetano Argiroffi)

Leave a Response