Taormina. Via Crocefisso, il sindaco Giardina ne annuncia la riapertura per la prossima settimana

TAORMINA – Potrebbe essere definita la strada della discordia. Stiamo parlando dell’ormai famosa via Crocefisso a Taormina che mette in collegamento il centro storico della Città con l’ospedale S.Vincenzo e il resto della riviera ionica. I lavori in corso sull’arteria sono stati la causa dello scontro avvenuto qualche giorno addietro durante il consiglio comunale tra il consigliere di maggioranza Carmelo valentino e il compagno di squadra l’assessore (attualmente sospeso) Enzo Scibilia. Nervi tesi tra i due: durante il suo intervento Valentino aveva definito “drammatiche” le condizioni di via Crocefisso sulla quale tecnici e operai sono a lavoro dalla scorso settembre. In sostanza, secondo l’esponente di “Taormina Città Viva”, i tempi di riapertura dell’arteria annunciati dall’assessore Scibilia non sarebbero mai stati rispettati. Parole al vetriolo, che per molti sono suonati come una provocazione, che hanno scatenato le ire di Scibilia che ha pesantemente apostrofato il compagno di coalizione. Ma ci ha pensato il sindaco Giardina a mettere tutti a tacere. E lo ha fatto difendendo l’operato del suo assessore in un intervista alla nostra emittente: “ L’intera amministrazione dovrebbe ringraziare Scibilia per il lavoro fatto sulla via Crocefisso” – ha detto il primo cittadino che ha poi annunciato: “L’arteria verrà aperta al massimo tra una settimana”. L’assessore ai lavori pubblici, del resto, aveva fissato la data di riapertura per il 31 marzo. Anche qui Giardina risponde deciso: “I ritardi nella consegna di lavori così importanti sono fisiologici. Su quella strada sono stati fatti dei miracoli: della sua messa in sicurezza – evidenzia il primo cittadino di Taormina – se ne parla da decenni. Noi – dice orgoglioso – ci siamo riusciti”. Insomma Valentino ha avuto le risposte che chiedeva. Ma la storia di via Crocefisso è solo la punta dell’iceberg di una crisi interna alla maggioranza ormai palese. Soprattutto la componente “Taormina Città Viva” che fa riferimento a Salvo Cilona , è da tempo in rotta con il resto della coalizione di maggioranza. Malumori nati inizialmente sulla nomina del nuovo liquidatore Asm e poi trasferiti anche nel resto dell’attività amministrativa. Giardina anche su queto è categorico: Sarà necessaria una verifica politica all’interno della nostra coalizione. Siamo tutti utili – conclude il sindaco – ma nessuno è indispensabile”. Messaggio inviato insomma. Speriamo adesso che i destinatari siano in grado di riceverlo.

Leave a Response